fbpx
Seguici anche su

Altri sport

Una grande Virtus Arechi fa la voce grossa ad Avellino

Coach Parrillo: “Grande prestazione della squadra”

Pubblicato

il

Bella. Pardon, bellissima. Bisognava dare una risposta dopo il ko di Pozzuoli e la risposta è arrivata. E che risposta. 53-77 il finale del derby.

Basta solamente un minuto per capire cosa sarebbe poi accaduto al Pala Del Mauro, bastano infatti due difese intense e i canestri di Rezzano dal perimetro e di Tortù nel pitturato per comprendere la grandissima voglia di rivalsa dei blaugrana.

Con De Fabritiis costretto alla panchina già al 3’ a causa di due falli (sempre out Beatrice), la Virtus non si scompone minimamente e il piano partita preparato da coach Parrillo continua a funzionare alla perfezione.

In entrambe le metà campo, senza alcuna differenza. Al 4’ Tortù realizza un 2+1 che vale il primo vero vantaggio (4-15), in chiusura di primo quarto invece partecipa con gli scatenati Maggio e Cardillo al parziale di 0-7 che fissa il punteggio sul 15-29. Una trama che non cambia con lo scorrere dei minuti.

Dopo una timida reazione di Avellino, 5-1 il break nei primi tre minuti del secondo periodo, la Virtus torna a mettere la quinta. Sfrecciando così via.

In difesa vengono concessi appena 5 punti in sette minuti (notevole anche la differenza di rimbalzi, 16 a 27 al 20’), in attacco invece arriva un canestro dopo l’altro al termine sempre di azioni costruite. Ciò vuol dire all’intervallo lungo 25-48.

Uno strappo netto, nettissimo, che Sousa in avvio di ripresa prova a ricucire con 9 punti in meno di tre minuti. Ma è troppo poco per mettere in crisi una Virtus praticamente perfetta.

La squadra ha disputato una grande prestazione, ringrazio di cuore i ragazzi per la prova offerta dopo una settimana particolare – afferma coach Adolfo Parrillo a fine partita -. Ora, però, dobbiamo continuare così, a lavorare con concentrazione e serietà”.

Altri sport

Aperture sportive per atleti, amatori e tifosi

Dal 26 aprile dove vige la zona gialla

Pubblicato

il

Riparte lo sport all’aperto, per la grande gioia degli amatori e per i tifosi.

Nell’idea di decreto che il dipartimento sport sottoporrà nei prossimi giorni al Consiglio dei Ministri si indicherà la possibilità di tornare dal 26 aprile a fare sport anche di contatto, a partire dal calcetto, nelle regioni in zona gialla. In zona arancione e rossa tutto chiuso.

In zona gialla da sabato 1 maggio, per la gioia di fortunati, sarà consentito l’accesso del pubblico in impianti all’aperto fino a un massimo di 1.000 spettatori (come è già avvenuto in passato per un breve periodo).

Al chiuso invece al massimo di 500 per tutti gli eventi sportivi agonistici e riconosciuti di preminente interesse nazionale da CONI e CIP . Per quanto riguarda le piscine, su nostre informazioni, dovrebbe essere un’apertura intorno alla metà di maggio. Le terme invece, per rimanere nel benessere, da giugno.

Continua a leggere

Ciclismo

L’Androni Giocattoli al Giro 2021

Pubblicato

il

A seguito della rinuncia della Vini Zabù a partecipare al Giro d’Italia, RCS Sport comunica che una delle tre wild card viene assegnata all’Androni Giocattoli – Sidermec.

Continua a leggere

Altri sport

Tokio 2020/1 a rischio pandemia?

In aumento i contagi tra la popolazione

Pubblicato

il

Di

A meno di cento giorni dall’inizio della manifestazione e con le “polemiche” europee sulle aperture degli stadi per gli Europei di Calcio, una notizia poco confortante arriva dal Giappone.

“Dovremo cancellare i Giochi Olimpici senza esitazione, se non sarà più possibile controllare l’epidemia”. Dure le parole di Toshihiro Nikai, in un’intervista al canale televisivo giapponese TBS riportata da diversi siti di agenzie in tutto il mondo.

“Se i contagi si stanno diffondendo a causa delle Olimpiadi, non so a cosa servono”, ha aggiunto il segretario generale del Partito Liberal Democratico, il partito più importante nel governo nipponico.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group s.r.l.s. | Oggi Sport.it iscritto al tribunale di Milano con il n.105 del 07 settembre 2020 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Marco Capriotti |