fbpx
Seguici anche su

Calcio

Serie B, prima di Ritorno: numeri e curiosità

Pubblicato

il

Il big match della 20a è Spal-Monza

Prima di ritorno che si apre questa sera a Vicenza e si chiude lunedì con Reggina-Salernitana

L.R. Vicenza – Venezia (venerdì 29 gennaio, ore 21.00)

Apre la 20° giornata della Serie BKT la 24a edizione del derby fra L.R. Vicenza e Venezia: bilancio di 16 vittorie biancorosse (ultima 2-1 nella I Divisione 2013/14), 6 pareggi (ultimo 0-0 nella serie A 1998/99) e un solo successo lagunare (2-1 nella serie C-1 1989/90). Vicenza che deve invertire il suo ruolino di marcia che la vede meglio lontano dal Menti, Venezia che dovrà stare attento al primo quarto d’ora quando i biancorossi segnano molto. Tra Mimmo Di Carlo e Paolo Zanetti unico incrocio tecnico all’andata, con coach arancioneroverde vittorioso 1-0 al “Penzo”.

Ascoli – Brescia (sabato 30 gennaio, ore 14.00)

Nei 20 incroci ufficiali nelle Marche fra le due squadre, il bilancio vede 11 vittorie bianconere (ultima 2-0 nella serie B 2012/13), 8 pareggi (ultimo 1-1 nella serie B 2018/19) e un successo ospite (1-0 nella serie B 2007/08, rete di Caracciolo al 58’ dopo che la partita era stata rinviata due volte in dicembre, causa neve). Le ultime 4 partite al “Del Duca” sono sempre finite con un pareggio. Da una parte l’Ascoli che deve rilanciarsi in chiave salvezza, la squadra bianconera è la formazione cadetta che segna con meno giocatori a fine andata: appena 6 i calciatori bianconeri finora in rete. Anche il Brescia non è in un periodi di grazia: a secco da 273’ con l’ultimo gol firmato da Bjarnason in Spal-Brescia 2-3 del 30 dicembre scorso. Inedito l’incrocio tecnico fra Andrea Sottil e Davide Dionigi che per la prima volta torna da ex ad Ascoli (allenatore bianconero dal giugno al luglio 2020, con 9 panchine ufficiali e score di 4 vittorie, 2 pareggi e 3 sconfitte).

Empoli – Frosinone (sabato 30 gennaio, ore 14.00)

La capolista incontra forse la delusione di questo girone di andata. Al “Castellani” sono 7 i confronti ufficiali fra le due squadre: 4 le vittorie azzurre (ultima 2-0 nella serie B dell’anno scorso), 2 i pareggi (ultimo 3-3 nella serie B 2017/18) ed 1 successo ciociaro (2-1 nella serie A 2015/16). L’Empoli vorrà continuare il suo trend di attacco record, di squadra che guadagna nelle riprese il maggior numero di punti ma soprattutto di imbattibilità casalinga. Invertire il trend invece sarà l’obiettivo di Nesta senza successi da 6 giornate: 3 pareggi e 3 sconfitte lo score dei ciociari, con ultima vittoria datata 15 dicembre, 2-1 a Reggio Emilia. Frosinone una delle 4 formazioni cadette che fa più punti fuori casa che tra le mura amiche, come Vicenza, Cosenza e Pordenone (14 contro 13 allo “Stirpe”). Tra Alessio Dionisi e Alessandro Nesta 3 precedenti tecnici ufficiali e assoluta parità: 1 successo per parte ed 1 pareggio.

Pisa – Reggiana (sabato 30 gennaio, ore 14.00)

Nei 27 confronti ufficiali in Toscana fra le due squadre il bilancio vede 15 successi nerazzurri (ultimo 3-0 nella coppa Italia di C 2013/14), 7 pareggi (ultimo 0-0 nella serie C 2014/15) e 5 vittorie granata (ultimo 4-2 nella serie C-1 2002/03). Partita storica quella del 13 giugno 1982, ultima giornata di serie B, fu 0-0 all’Arena fra Pisa e Reggiana e quel punto permise ai toscani di festeggiare il ritorno in Serie A dopo 13 anni di assenza. Pisa, che celebrerà la 300a da professionista di Nicholas Siega, è scatenato nei 15’ finali di gara e cercherà di approfittare della difesa ospite, la più perforata nel girone di ritorno con 32  reti subite come Pescara e Virtus Entella. Chi spegne invece la candelina in casa granata è Luca Zamparo alla 100a da professionista. Reggiana senza gol fuori casa da 328’: ultimo firmato Radrezza al 32’ della gara perduta 1-3 a Brescia lo scorso 19 dicembre. Tra Luca D’Angelo e Massimiliano Alvini due incroci tecnici ufficiali, entrambi conclusi con pareggi per 2–2.

Pordenone – Lecce (sabato 30 gennaio, ore 14.00)

Pordenone vittorioso nell’unico incrocio casalingo ufficiale contro il Lecce: 3-2 il 12 agosto 2017, in coppa Italia. I padroni di casa cercheranno di confermare il buon momento con 11 punti nelle ultime cinque giornate con tre successi e due pareggi. I friulani non perdono dal 22 dicembre scorso, quando la Cremonese vinse per 2 a 1, mentre l’ultimo gol incassato è stato firmato da Parzyszek al 84’ di Frosinone-Pordenone 1-1 del 27 dicembre scorso. Porta neroverde, dunque, imbattuta da 366’. Lecce che deve cambiare registro nei primi 15’ di gioco: 6 le reti subite dai salentini fra 1’ e 15’ di gioco, nessuno peggio a fine andata, ma comunque in salute e in serie positiva da cinque giornate: due vittorie e tre pareggi. Attilio Tesser imbattuto nei 3 precedenti tecnici contro Eugenio Corini: 1 vittoria e 2 pareggi, lo score in favore del tecnico neroverde.

Virtus Entella – Cosenza (sabato 30 gennaio, ore 14.00)

A Chiavari un solo precedente ufficiale fra le due squadre: Virtus Entella vittoriosa 1-0 lo scorso anno in B, era il 29 ottobre 2019. Padroni di casa che dopo il girone di andata devono registrare la difesa, la più perforata insieme a Reggiana e Pescara, ma che festeggiano la 100a in B di Andrea Settembrini. Cosenza non in salute e senza successi da sette giornate: cinque pareggi e due sconfitte lo score dei calabresi, vittoriosi l’ultima volta lo scorso 15 dicembre, 3-0 ad Ascoli. I calabresi hanno il primato dei pareggi a fine andata: 11 collezionati in 19 giornate, e del peggior attacco, 13 sole reti segnate. Confronto tecnico inedito tra Vincenzo Vivarini e Roberto Occhiuzzi.

ChievoVerona – Pescara (domenica 31 gennaio, ore 15.00)

A Verona i confronti ufficiali tra le due squadre sono 11: bilancio di 5 vittorie venete (ultima 1-0 nella serie B dell’anno scorso), 4 pareggi (ultimo 1-1 nella serie B 1999/00) e 2 successi abruzzesi (ultimo 2-0 nella serie B 2000/01). Pescara che al “Bentegodi” non ha molte soddisfazioni (ultima vittoria nel 2000). ChievoVerona imbattuto da 10 giornate di campionato: 4 vittorie e 6 pareggi per gli scaligeri, la cui ultima sconfitta risale al 5 dicembre scorso, 2-3 a Frosinone, e una delle due cooperative del gol nella B 2020/21 a fine andata: 14 i marcatori gialloblu, primato condiviso con il Cittadella. Tra Alfredo Aglietti e Roberto Breda 8 confronti tecnici ufficiali e parità: 3 successi per parte e 2 pareggi, con formazioni di Breda sempre a segno, 16 reti complessive.

Spal – Monza (domenica 31 gennaio, ore 16.00)

E’ sicuramente il big match di giornata. A Ferrara i confronti ufficiali fra le due squadre sono 19: 6 le vittorie estensi (ultima 2-0 nella coppa Italia, lo scorso 24 novembre), 10 i pareggi (ultimo 3-3 nella II Divisione 2013/14) e 3 successi brianzoli (ultimo 3-1 nella serie C-1 1994/95). Di fronte prima e quinta difesa del torneo cadetto 2020/21: Monza con sole 14 reti subite, Spal a quota 17. Brianzoli reduci da 14 punti nelle ultime 6 giornate, con 4 successi e 2 pareggi, emiliani invece che non perdono dal 30 dicembre in casa con il Brescia. Tra Pasquale Marino e Cristian Brocchi 4 incroci tecnici ufficiali: conduce il coach estense per 2 successi a 1, con 1 pareggio a completare il bilancio.

Cittadella – Cremonese (domenica 31 gennaio, ore 21.00)

Nei dieci precedenti ufficiali al “Tombolato” è assoluta parità: 4 vittorie dei granata di casa (ultima 3-2 dopo overtime nella coppa Italia di C 2015/16), 2 pareggi (ultimo 0-0 nella serie B dell’anno scorso) e 4 vittorie grigiorosse (ultima 3-1 nella serie B 2018/19). 14 punti nelle ultime 6 partite in casa per il Cittadella, reduce da 4 successi e 2 pareggi: i veneti non vanno k.o. al “Tombolato” dall’1-2 subito dal Monza, in data 31 ottobre. Cremonese che deve temere gli ultimi 15’ finali di gioco dove i granata hanno segnato otto reti nell’andata. Tra Roberto Venturato e Fabio Pecchia un successo interno per parte nella serie B 2016/17, nel doppio Cittadella-Hellas Verona. Amarcord per Roberto Venturato contro la “sua” Cremonese: il coach granata, infatti, ha allenato i grigiorossi dal marzo 2009 al giugno 2010 in Lega Pro, guidando – in precedenza – dal luglio 2007 al marzo 2009 squadre del settore giovanile grigiorosso.

Reggina – Salernitana (lunedì 1 febbraio, ore 21.00)

Sono 34 i confronti ufficiali in Calabria fra le due squadre: bilancio di 17 vittorie della Reggina (ultima 3-1 nella serie B 2009/10), 11 pareggi (ultimo 2-2 nella serie B 2001/02) e 6 successi campani (ultimo 1-0 nella serie C 2014/15). Reggina che deve stare attenta alle riprese essendo la squadra che ha subito il maggior numero di reti nei 15’ finali di gara, 10 tra 76’ e 90’ inclusi recuperi. Salernitana senza reti esterne da 232’: ultimo gol granata firmato Anderson al 38’ del match vinto 2-1 a Venezia lo scorso 27 dicembre. Tra Marco Baroni e Fabrizio Castori 8 incroci tecnici ufficiali: il coach della Reggina conduce per 4 successi a 2 con 2 pareggi a completare il bilancio. Il tecnico della Salernitana ex di giornata: ha guidato la Reggina in serie B dall’ottobre al novembre 2013, 6 panchine ufficiali, con score di 1 vittoria, 1 pareggio e 4 sconfitte.

Nella foto La Presse un duello all’andata tra Floccari e Paletta


ARTICOLI CORRELATI

Ascoli-Brescia: le dichiarazioni degli allenatori e i convocati

Calcio

La Roma fa tris e si regala gli ottavi

Prestazione convincente dei giallorossi che strapazzano il Braga nel doppio confronto.

Pubblicato

il

La Roma batte lo Sporting Braga 3 a 1 nel ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League qualificandosi agli ottavi di finale. Fonseca alla vigilia era preoccupato per questa gara che poteva risultare insidiosa sia per l’ottimo valore della squadra portoghese e sia dalle assenze in difesa della squadra giallorossa. I giocatori in campo hanno interpretato bene la gara dimostrando la loro superiorità già manifestata 7 giorni fa a Braga. Nel primo tempo dopo una fase di assestamento la Roma passava con Dzeko abile a ribadire in rete una giocata di El Sharawy che si era stampata sul palo. Il Braga provava a rimettersi in carreggiata con un buon possesso palla ma troppo sterile. Sul finire del tempo era la Roma con una traversa di Pedro, dopo assist del faraone, ad andare più vicino al goal del raddoppio.

La ripresa: Nel Secondo tempo Fonseca ruotava i suoi titolari pensando alla partita di domenica sera col Milan. Pellegrini, subentrato a Villar prima sbagliava un calcio di rigore procurato da Carles Perez ma subito dopo confezionava un assist al bacio sempre per il giovane spagnolo che realizzava il raddoppio. Qualificazione al sicuro e partita che si concludeva con l’autorete di Cristante ed il goal del definitivo 3 a 1 di Borja Mayoral. Da segnalare la prestazione di Diawara e del subentrante Carles Perez che entrava con le giuste motivazioni facendo la differenza nell’ultima mezz’ora. Unica nota negativa l’infortunio di Dzeko sostituito per un problema inguinale, che lo mette a rischio per la partita di domenica.

Continua a leggere

Calcio

Due pareggi, ma il Milan va agli ottavi

Pubblicato

il

La partita di andata è terminata 2-2 a Belgrado, sette giorni dopo si gioca la gara di ritorno al Meazza, i rossoneri hanno segnato due reti in trasferta e partono con il favore del pronostico. Dopo 9’minuti di gioco, i padroni di casa ricevono un calcio di rigore a favore, trasformato da Frank Kessie. Il Milan però, si porta dietro gli strascichi del derby e concede  il pari agli uomini di Stankovic, dopo 24′ minuti segna Ben ed é 1-1. Le due squadre vanno a riposo con questo parziale che qualificherebbe il diavolo. Nella ripresa entra anche Ibra per il Milan, ma non ci saranno ulteriori reti. Al minuto 70′, Gobeljic si fa espellere e la Stella Rossa resta in dieci, ma la sua squadra continua a spingere senza trovare goal. Il Milan con il doppio pari, stacca il pass per gli ottavi di Europa League.

Continua a leggere

Calcio

Europa League, vittoria amata del Napoli contro il Granada: gli azzurri vengono eliminati dalla competizione

Pubblicato

il

Zienilski fa, la difesa disfa. Il polacco illude il Napoli per una ipotetica rimonta ai danni del Granada segnando al 3′, ma a metà primo tempo la retroguardia azzurra fa un pasticciaccio incredibile che permette a Montoro di realizzare la rete della tranquillità spagnola. I ragazzi di Rino Gattuso escono così ai sedicesimi di Europa League, condizionati dai troppi infortuni avuti tra andata (finita 2-0 per il Granada) e ritorno. Nella ripresa Fabian Ruiz mette a tabellino il 2-1 definitivo, che però non dà mai un’ulteriore carica emotiva ai suoi compagni per tentare di segnare altre due reti che avrebbero garantito la qualificazione.

L’eliminazione del Napoli è un grave danno per il calcio italiano, perché i partenopei potevano competere per arrivare fino in fondo in Europa League.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group s.r.l.s. | Oggi Sport.it iscritto al tribunale di Milano con il n.105 del 07 settembre 2020 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Marco Capriotti |