fbpx
Seguici anche su

Altri sport

Serie A Beretta, punti preziosi per Albatro, Fondi e Molteno

Si accende la lotta per la salvezza

Pubblicato

il

Davanti c’è (quasi) solo Conversano, ma il sabato della 20^ giornata di Serie A Beretta maschile è soprattutto di chi sta in coda. Fanno tutte punti, le ultime tre: vincono Banca Popolare Fondi e Teamnetwork Albatro, pareggia la Salumificio Riva Molteno.

Non la prende benissimo la Santarelli Cingoli, che, costretta dal calendario al proprio turno di riposo, viene agganciata da Siracusa. E dal colpaccio dei siciliani è lecito partire: 23-21 (p.t. 8-10) al Pala Lo Bello contro il Pressano del grande ex Alessandro Fusina, condannato però alla terza sconfitta consecutiva.

Successo fondamentale – nel segno di Canete autore di otto reti – e che gli aretusei costruiscono in rimonta, riacciuffando il pari sul 19-19 al 49’ e trovando addirittura al 52’, con Sortino, il primo vantaggio (20-19). L’inerzia muta, dal 21-21 al 23-21 ci sono in mezzo le reti di Molineri e Cuello.

Siracusa raccoglie uno scalpo importante e due punti fondamentali, ma è ancor più memorabile l’impresa esterna di Fondi, che passa nel tempio della pallamano: i laziali vincono di misura al Pala Chiarbola, la casa di Trieste. La sfida termina 25-24 (p.t. 13-13) con il gol decisivo del solito Vulic a 10’’ dalla fine. È la rete che completa un mini-break di 2-0 – mentre Trieste aveva trovato il vantaggio con Dapiran – e che tiene in vita le speranze dei rossoblù allenati da Giacinto De Santis in una corsa per la salvezza che si infiamma. 

E se qualcosa s’infiamma dev’esserci della benzina. Come quella che viene gettata sul fuoco dalla Salumificio Riva Molteno, la meno aiutata dai pronostici e nel contempo la più coraggiosa a strappare un pari da ricordare al Bozlano e peraltro in trasferta. Giochi chiusi sul 22-22 (p.t. 10-12). Il gol del pari lo firma Redaelli, ma i lombardi recriminano dopo aver chiuso il primo tempo in vantaggio sul campo della Sporcic-band. 

Se continua il momento non facile dei bolzanini, sempre più staccati dalla zona-Scudetto, gli uomini di Onelli giocano una partita coraggiosa, la conducono fino al 16-15. Poi tremano, perché Bolzano mette la testa avanti e al 58’ segna con Skatar il gol del 21-20. Ma finisce pari. E Molteno spera ancora. 

Il pari della Gasteiner fa il paio con la sconfitta – 35 a 31 – della Ego Siena in casa dell’Alperia Merano, altro risultato che agevola la fuga di Conversano. Bisognerà aspettare la Raimond Sassari nel recupero del match contro l’Acqua&Sapone Junior Fasano, certo, ma nel frattempo i pugliesi si sbarazzano in casa del Cassano Magnago e i toscani, alla prima uscita senza Pablo Marrochi, cadono in Alto Adige. 

Con undici gol di Max Prantner sono i Diavoli Neri a gioire per due punti che non cambiano gli obiettivi di classifica, ma che nel contempo permettono di agganciare in classifica proprio Cassano Magnago a quota 19. I risultati si incrociano, com’è ovvio che sia. E allora impatta su tutto e tutti anche l’ennesima vittoria stagionale di Conversano proprio contro i ragazzi in maglia amaranto: 26-23 (p.t. 14-13) fatto della solita pazienza e consapevolezza nei propri mezzi dei biancoverdi di Tarafino. 

Nove uomini di campo in gol, Radovcic sempre trascinatore (5), capacità di soffrire anche quando Cassano Magnago prova l’affondo al 45’ sul 20-19. E poi il cinismo, fondamentale per accelerare con Nelson (23-21) e tenere fino alla fine. Il Pala San Giacomo consegna a Conversano il +7, massimo divario fin qui registrato dalla capolista in Serie A Beretta. Aspettando il recupero sassarese, s’intende.

Il quadro dei risultati di giornata è completato dal pirotecnico 40-30 (p.t. 21-16) con cui il Bressanone supera lo Sparer Eppan nel derby altoatesino di giornata. Tanti gol, a cominciare dai dieci di Davor Cutura. I brissinesi salgono al quinto posto, superando Pressano e portandosi a -1 dalla quarta piazza dei cugini bolzanini.

(foto: Simona Amato)

Altri sport

Aperture sportive per atleti, amatori e tifosi

Dal 26 aprile dove vige la zona gialla

Pubblicato

il

Riparte lo sport all’aperto, per la grande gioia degli amatori e per i tifosi.

Nell’idea di decreto che il dipartimento sport sottoporrà nei prossimi giorni al Consiglio dei Ministri si indicherà la possibilità di tornare dal 26 aprile a fare sport anche di contatto, a partire dal calcetto, nelle regioni in zona gialla. In zona arancione e rossa tutto chiuso.

In zona gialla da sabato 1 maggio, per la gioia di fortunati, sarà consentito l’accesso del pubblico in impianti all’aperto fino a un massimo di 1.000 spettatori (come è già avvenuto in passato per un breve periodo).

Al chiuso invece al massimo di 500 per tutti gli eventi sportivi agonistici e riconosciuti di preminente interesse nazionale da CONI e CIP . Per quanto riguarda le piscine, su nostre informazioni, dovrebbe essere un’apertura intorno alla metà di maggio. Le terme invece, per rimanere nel benessere, da giugno.

Continua a leggere

Ciclismo

L’Androni Giocattoli al Giro 2021

Pubblicato

il

A seguito della rinuncia della Vini Zabù a partecipare al Giro d’Italia, RCS Sport comunica che una delle tre wild card viene assegnata all’Androni Giocattoli – Sidermec.

Continua a leggere

Altri sport

Tokio 2020/1 a rischio pandemia?

In aumento i contagi tra la popolazione

Pubblicato

il

Di

A meno di cento giorni dall’inizio della manifestazione e con le “polemiche” europee sulle aperture degli stadi per gli Europei di Calcio, una notizia poco confortante arriva dal Giappone.

“Dovremo cancellare i Giochi Olimpici senza esitazione, se non sarà più possibile controllare l’epidemia”. Dure le parole di Toshihiro Nikai, in un’intervista al canale televisivo giapponese TBS riportata da diversi siti di agenzie in tutto il mondo.

“Se i contagi si stanno diffondendo a causa delle Olimpiadi, non so a cosa servono”, ha aggiunto il segretario generale del Partito Liberal Democratico, il partito più importante nel governo nipponico.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group s.r.l.s. | Oggi Sport.it iscritto al tribunale di Milano con il n.105 del 07 settembre 2020 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Marco Capriotti |