fbpx
Seguici anche su

Altri Sport

Rugby, Sei Nazioni 2021: In Scozia arriva per l’Italia la quinta sconfitta nel Torneo.

Pubblicato

il

Scozia-Italia

“La speranza è l’ultima a morire”, così recita un famoso adagio… ma oggettivamente anche i più speranzosi hanno ormai poca fiducia nel futuro.

Vincere ad Edimburgo, si sapeva alla vigilia, sarebbe stato difficile, almeno per l’ItalRugby di questo deprimente “Sei Nazioni 2021” ma almeno ci si aspettava un’Italia gagliarda fin da subito e sempre sul pezzo.

Ad onore del vero bisogna però dire che segni di risveglio ci sono stati, solo che sono durati la miseria di 6 minuti. Tanto ha impiegato infatti la nazionale azzurra per entrare nel match, segnando la prima meta dalla partita, e per uscirne altrettanto velocemente come vi era entrata.
Dopo la meta di Bigi, trasformata da Garbisi, la Scozia ha impiegato 4′ per segnare la meta del 5-7 e altri 3 per sorpassare sul 12-7.
Al 17′ arrivava l’ultimo sussulto azzurro con un bel piazzato di Garbisi (12-10). Da lì in poi si assisteva però ad un lungo monologo scozzese.
Al 20′ Mori si beccava un cartellino giallo, peraltro evitabilissimo, e la Scozia andava altre due volte in meta, con Graham e Jones, chiudendo il primo tempo sul 24-10. L’Italia, in difesa commetteva troppi errori, tanto da concedere il punto di bonus in soli 29 minuti (!) di gioco.

Ci si aspettava dall’Italia almeno un sussulto al ritorno in campo dopo la pausa lunga e invece, pronti-via, arriva al 44′ la meta di Cherry (31-10).
Nonostante la Scozia giocasse un rugby tutt’altro che trascendentale, l’Italia era troppo imprecisa e fallosa (ben 3 cartellini gialli), oltre che mancante di un’accettabile fase difensiva. Troppi i placcaggi sbagliati e i placcaggi rotti dagli scozzesi (ben 13 in 64′ di gioco) e nessuna fase di gioco a cui appigliarsi per non sprofondare sotto il peso delle mete scozzesi, che a fine gara saranno ben 8, per il 52-10 che chiude un “Sei Nazioni” tutto da dimenticare per i colori azzurri.

Eppure per l’ItalRugby i presupposti, dopo un più che discreto Autumn Nations Cup, erano ben diversi. Ci si aspettava un passo in avanti che invece non c’è stato. Si sono viste buone individualità come Varney, Garbisi e Ioane, per fare un paio di nomi, ma queste rischiano di perdersi se non si corregge subito il tiro.
Purtroppo però non si può pretendere una nazionale vincente se a livello di club arrivano perlopiù sconfitte. In Pro14 il Benetton è a quota 0 vittorie e 14 sconfitte, le Zebre invece poco meglio con 4 vinte e 12 perse. Il campionato italiano invece è di livello troppo basso per essere probante per i giocatori potenzialmente arruolabili per la nazionale. Temi che la nuova presidenza federale dovrà affrontare quanto prima, se non vogliamo che il treno, dove faticosamente siamo riusciti a salire 20 anni fa, riparta senza di noi a bordo.

L’Italia si appresta quindi a concludere (mancano da disputare solo i test estivi) l’ennesimo anno “Zero” dal 2001 a questa parte… a quando l’anno “uno”?

Il tabellino

Scozia: 15 Sean Maitland, 14 Darcy Graham, 13 Huw Jones, 12 Sam Johnson, 11 Duhan van der Merwe, 10 Stuart Hogg (c), 9 Scott Steele, 8 Matt Fagerson, 7 Hamish Watson, 6 Jamie Ritchie, 5 Grant Gilchrist, 4 Sam Skinner, 3 Zander Fagerson, 2 David Cherry, 1 Rory Sutherland

mete: Cherry (10′, 45′), van der Merwe (15′, 72′), Graham (22′), Jones, Steele (53′), Johnson (65′)
trasformazioni: Hogg (16′, 46′, 54′, 66′, 73′)
punizioni:

Italia: 15 Edoardo Padovani, 14 Mattia Bellini, 13 Juan Ignacio Brex, 12 Federico Mori, 11 Montanna Ioane, 10 Paolo Garbisi, 9 Stephen Varney, 8 Michele Lamaro, 7 Johan Meyer, 6 Sebastian Negri, 5 Federico Ruzza, 4 Niccolò Cannone, 3 Marco Riccioni, 2 Luca Bigi (c), 1 Danilo Fischetti

mete: Bigi (7′)
trasformazioni: Garbisi (7′)
punizioni: Garbisi (17′)

Per infohttps://www.world.rugby/ – https://www.federugby.it/ – https://oggisport.it/category/altri-sport/rugby/ – https://www.sixnationsrugby.com/it/calendario-e-risultati/

Beach Soccer Woman

Beach Soccer, Samb Femminile: Scudetto ancora sul petto!!!

Pubblicato

il

L’Happy Car Sambenedettese è la regina d’Italia della Serie A di Beach Soccer femminile targata Lega Nazionale Dilettanti per la seconda stagione di fila. Al termine di una finale spettacolare tra le squadre che hanno espresso il miglior gioco nell’arco del campionato, sono state le ragazze dell’allenatrice Monica Barbizzi ad alzare al cielo di San Benedetto del Tronto la coppa consegnata nelle mani del capitano Maria Olivieri da Roberto Desini, Coordinatore del Dipartimento BS LND. La Samb ha superato per 2-1 un ottimo B-Point Napoli. Decisiva la doppietta di Adriele Rocha con il secondo gol su tiro libero che ha messo la ceralacca al match. Il Napoli aveva pareggiato con Villar a metà ripresa ma il fendente di Rocha a 5’ dal fischio finale ha deciso le sorti della partita.

L’altra metà del beach soccer ha dimostrato in questa edizione di essere in continuo miglioramento sotto tutti gli aspetti. Soprattutto le finaliste hanno confermato di essere arrivate a questa competizione con un bagaglio atletico, tecnico e tattico di gran spessore. Bene anche le altre partecipanti, in generale il beach soccer femminile ha ampi margini di miglioramento e l’Italia nel panorama mondiale, avendo fatto da apripista più di 10 anni fa, è avanti nella promozione della disciplina rispetto agli altri paesi.

Happy Car Sambenedettese-B Point Napoli 2-1 (1-0; 0-1; 1-0)
Happy Car Samb: Maranella, Faini, Carlini, Olivieri (C), Adriele Rocha, Poli, Marucci, Ana Be, Xhaxho, Capannelli, Caccamo, Ponzini. All: Monica Barbizzi
B-Point Napoli: La Rocca, Lopes, Vitillo, Borrelli, Fischetti, Vecchione (C), Aresu, Illiano, Villar, Foccillo, Cipolletta, Di Martino. All: Gianluca Cardone
Arbitri: Nube (Mestre), Pedarra (Foggia).
Reti: 4’ pt A. Rocha (S); 6’ st Villar (N); 7’ tt A. Rocha (S).
Espulsa: 7’ tt Lopes (N)

FINALE 3^ e 4^ posto

Lady International-Terracina 2-1 (0-0; 1-0; 1-1)
Lady International: Perez, Pagiarino, Iannella, Ferrazza, Vattone, Sacco, Mellano, Paulin, Benedetti, Lezak, Maiorca, Panichi. All: Del Duca
Terracina: Franco, Stefanelli, Cuciniello, Lauria, Ferrara, Privitera, Capuano, Pisa, Bastos, Ruotolo, Aversa, Naticchioni. All: Cicerani
Arbitri: Labombarda di Este e Bottin di Ancona
Reti: 1’st Lezak (L); 4’tt Naticchioni (T), 7’tt Iannella (L)



ARTICOLI CORRELATI

Beach Soccer, Samb Women: Xhanto, Chiara Poli e Marucci firmano l’accesso alla Finalissima


Per info su Oggi Sport: https://oggisport.it/ e la pagina Facebook https://www.facebook.com/oggisport/?notif_id=1597904047411099&notif_t=page_fan


Continua a leggere

Ciclismo

Elisa Longo Borghini bronzo nel ciclismo

Bissa il risultato di Rio 2016

Pubblicato

il

Elisa Longo Borghini bronzo nel ciclismo, ha ripetuto la medaglia cinque anni fa a Rio 2016 classificandosi dietro all’austriaca Anna Kiesenhofer, oro per distacco e in fuga fin dal primo metro della gara in linea femminile; prima austriaca a vincere nel ciclismo.

Argento all’olandese Annemiek Van Vleuten, che con la medaglia dimentica la terribile caduta di cui fu vittima a Rio quando era in testa.

Continua a leggere

Beach Soccer Woman

Beach Soccer, Samb Women: Xhanto, Chiara Poli e Marucci firmano l’accesso alla Finalissima

Pubblicato

il

HAPPYCAR SAMBENEDETTESE-LADY INTERNATIONAL 4-1 (1-0; 2-0; 1-1)

Reti: 9′ 1T Xhaxho, 2′ 2T Poli, 6′ 2T Xhaxho, 8′ 6T Vattone (L), 11′ 6T Marucci.

HAPPYCAR SAMBENEDETTESE: Maranella, Faini, Pezzotti, Carlini, Olivieri, Adriele Rocha, Poli, Marucci, Ana Be, Xhaxho, Capanelli, Ponzini. All: Monica Barbizzi.

LADY INTERNATIONAL: Perez, Pagiarino, Iannella, Ferrazza, Vattone, Conti, Sacco, Mellano, Paulin, Benedetti, Lezak, Maiorca. All: Valerio Del Duca.

Arbitri: Musumeci di Catania, Ozella di Benevento.

La Samb va in finale dopo una prova superba contro Lady International Terracina nello scontro tra le due squadre a punteggio pieno.

Apre le marcature dopo nove minuti Xhaxho.

Il raddoppio è di Chiara Poli al secondo minuto della seconda frazione di gioco: ottimo lo stop di petto e la girata con tiro a mezz’altezza che non lascia scampo all’estrema difenditrice avversaria. Per l’attaccante rossoblù è la seconda marcatura dopo quella di ieri contro il Pisa, nonostante la fasciatura al piede destro per un leggerissimo infortunio.

Trascorrono quattro minuti e Xhaxho fa doppietta e porta la Samb sul tre a zero.

Nell’ultima frazione le avversarie accorciano con Vattone ma la rossoblù Marucci chiude le ostilità con la rete del 4-1.

E’ finale per la Samb femminile che alle 18:30 di domani difenderà lo Scudetto cucito sul petto.

FINALI
San Benedetto del Tronto (Ap) – domenica 25 luglio

Finale 3^ – 4^ posto
2^ classificata girone A – 2^ girone B (h: 16) campo 2

Finale 1^ – 2^ posto
Vincente Girone A – Vincente Girone B (h: 18.30)


Per info su Oggi Sport: https://oggisport.it/ e la pagina Facebook https://www.facebook.com/oggisport/?notif_id=1597904047411099&notif_t=page_fan


Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group s.r.l.s. | Oggi Sport.it iscritto al tribunale di Milano con il n.105 del 07 settembre 2020 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Marco Capriotti | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€