fbpx
Seguici anche su

Altri sport

Rugby, Sei Nazioni 2021: In Scozia arriva per l’Italia la quinta sconfitta nel Torneo.

Pubblicato

il

Scozia-Italia

“La speranza è l’ultima a morire”, così recita un famoso adagio… ma oggettivamente anche i più speranzosi hanno ormai poca fiducia nel futuro.

Vincere ad Edimburgo, si sapeva alla vigilia, sarebbe stato difficile, almeno per l’ItalRugby di questo deprimente “Sei Nazioni 2021” ma almeno ci si aspettava un’Italia gagliarda fin da subito e sempre sul pezzo.

Ad onore del vero bisogna però dire che segni di risveglio ci sono stati, solo che sono durati la miseria di 6 minuti. Tanto ha impiegato infatti la nazionale azzurra per entrare nel match, segnando la prima meta dalla partita, e per uscirne altrettanto velocemente come vi era entrata.
Dopo la meta di Bigi, trasformata da Garbisi, la Scozia ha impiegato 4′ per segnare la meta del 5-7 e altri 3 per sorpassare sul 12-7.
Al 17′ arrivava l’ultimo sussulto azzurro con un bel piazzato di Garbisi (12-10). Da lì in poi si assisteva però ad un lungo monologo scozzese.
Al 20′ Mori si beccava un cartellino giallo, peraltro evitabilissimo, e la Scozia andava altre due volte in meta, con Graham e Jones, chiudendo il primo tempo sul 24-10. L’Italia, in difesa commetteva troppi errori, tanto da concedere il punto di bonus in soli 29 minuti (!) di gioco.

Ci si aspettava dall’Italia almeno un sussulto al ritorno in campo dopo la pausa lunga e invece, pronti-via, arriva al 44′ la meta di Cherry (31-10).
Nonostante la Scozia giocasse un rugby tutt’altro che trascendentale, l’Italia era troppo imprecisa e fallosa (ben 3 cartellini gialli), oltre che mancante di un’accettabile fase difensiva. Troppi i placcaggi sbagliati e i placcaggi rotti dagli scozzesi (ben 13 in 64′ di gioco) e nessuna fase di gioco a cui appigliarsi per non sprofondare sotto il peso delle mete scozzesi, che a fine gara saranno ben 8, per il 52-10 che chiude un “Sei Nazioni” tutto da dimenticare per i colori azzurri.

Eppure per l’ItalRugby i presupposti, dopo un più che discreto Autumn Nations Cup, erano ben diversi. Ci si aspettava un passo in avanti che invece non c’è stato. Si sono viste buone individualità come Varney, Garbisi e Ioane, per fare un paio di nomi, ma queste rischiano di perdersi se non si corregge subito il tiro.
Purtroppo però non si può pretendere una nazionale vincente se a livello di club arrivano perlopiù sconfitte. In Pro14 il Benetton è a quota 0 vittorie e 14 sconfitte, le Zebre invece poco meglio con 4 vinte e 12 perse. Il campionato italiano invece è di livello troppo basso per essere probante per i giocatori potenzialmente arruolabili per la nazionale. Temi che la nuova presidenza federale dovrà affrontare quanto prima, se non vogliamo che il treno, dove faticosamente siamo riusciti a salire 20 anni fa, riparta senza di noi a bordo.

L’Italia si appresta quindi a concludere (mancano da disputare solo i test estivi) l’ennesimo anno “Zero” dal 2001 a questa parte… a quando l’anno “uno”?

Il tabellino

Scozia: 15 Sean Maitland, 14 Darcy Graham, 13 Huw Jones, 12 Sam Johnson, 11 Duhan van der Merwe, 10 Stuart Hogg (c), 9 Scott Steele, 8 Matt Fagerson, 7 Hamish Watson, 6 Jamie Ritchie, 5 Grant Gilchrist, 4 Sam Skinner, 3 Zander Fagerson, 2 David Cherry, 1 Rory Sutherland

mete: Cherry (10′, 45′), van der Merwe (15′, 72′), Graham (22′), Jones, Steele (53′), Johnson (65′)
trasformazioni: Hogg (16′, 46′, 54′, 66′, 73′)
punizioni:

Italia: 15 Edoardo Padovani, 14 Mattia Bellini, 13 Juan Ignacio Brex, 12 Federico Mori, 11 Montanna Ioane, 10 Paolo Garbisi, 9 Stephen Varney, 8 Michele Lamaro, 7 Johan Meyer, 6 Sebastian Negri, 5 Federico Ruzza, 4 Niccolò Cannone, 3 Marco Riccioni, 2 Luca Bigi (c), 1 Danilo Fischetti

mete: Bigi (7′)
trasformazioni: Garbisi (7′)
punizioni: Garbisi (17′)

Per infohttps://www.world.rugby/ – https://www.federugby.it/ – https://oggisport.it/category/altri-sport/rugby/ – https://www.sixnationsrugby.com/it/calendario-e-risultati/

Kickboxing

Kickboxing, bottino di medaglie per l’ASD M.M.A. di Avezzano (AQ)

Pubblicato

il

Un bel bottino di medaglie per gli atleti della ASD MMA di Avezzano (AQ). Sabato 10 Aprile, i ragazzi del Maestro Massimo Persia, hanno preso parte alla fase regionale Lazio di Kickboxing FEDERKOMBAT che si è svolta ad Anguillara Sabazia (RM).

Due ori, due argenti ed un bronzo: questo è il medagliere che i 3 atleti dell’associazione sportiva MMA, hanno riportato a casa dalla trasferta laziale.

Oro per Cesidio Biocca, che si aggiudica il primo posto nella specialita’ del Kick Light, categoria Juniores cinture nere -74kg e vince anche l’argento nella specialità del Light Contact. Doppia medaglia anche per l’esperto senior -63kg Davide Piperni che torna con un argento nella Kick Light ed un bronzo nel Light Contact. Ottima prestazione anche per il Maestro Massimo Persia che riporta a casa la medaglia d’oro nella categoria Kick Light -94kg.

Molto soddisfatti dai risultati ottenuti, anche i tecnici, Vincenzo Giffi Marco Morelli, ed il direttore tecnico Maestro Alessandro Cavidossi.

Continua a leggere

Altri sport

Talk Time. Sport e dintorni (LIVE) #Chapter45

Pubblicato

il

Eccezionalmente alle 18:45 i nostri Adriano|Fabrizio|Luca, come sempre, divagheranno senza peli sulla lingua sui temi sportivi della settimana.

Per intervenire in diretta:

👉 https://www.facebook.com/TalkTimeWeb/
👉 https://www.facebook.com/oggisport2/
👉 https://www.facebook.com/ilMartino.it/
👉 https://www.youtube.com/channel/UCtCIOoECcgpGEtVYoKX1uCg/live
👉 https://www.twitch.tv/talktime_snowice

Continua a leggere

Altri sport

L’Aquila, Città Europea dello Sport 2022

Pubblicato

il

Ieri mattina il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, ha partecipato alla cerimonia promossa da Aces Europe nell’ambito della quale sono state consegnata la targa e la ‘ciotola della benemerenza’ per il conferimento del titolo al capoluogo abruzzese di “Città europea dello sport 2022″.

L’iniziativa si è svolta nel salone d’onore del Coni, a Roma, con la partecipazione del sottosegretario alla presidenza del consiglio dei ministri con delega allo Sport, Valentina Vezzali, il presidente del Comitato olimpico nazionale Italiano, Giovanni MalagòAll’evento, hanno preso parte anche diversi sindaci e amministratori locali italiani. Era presente anche l’assessore regionale allo Sport, Guido Liris.

“Un riconoscimento per il percorso compiuto nel processo di candidatura con cui sono stati premiati gli sforzi per riqualificare e valorizzare gli impianti sportivi della città e delle frazioni. – spiega il sindaco Biondi-  In un momento così complicato per lo sport italiano, con decine di associazioni che svolgono attività essenziale per i nostri giovani e da un anno sono alle prese con i problemi e le conseguenze legate alla pandemia, compito delle istituzioni è quello di far sentire il proprio sostegno e vicinanza. Oltre che elemento di coesione sociale crediamo nello sport quale veicolo di promozione turistica e consolidamento dell’immagine della città. Adesso, con l’assessore allo Sport, Vito Colonna, lavoreremo per la calendarizzazione degli eventi e perché sia tutto pronto per ospitare delegazioni e gare”.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group s.r.l.s. | Oggi Sport.it iscritto al tribunale di Milano con il n.105 del 07 settembre 2020 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Marco Capriotti |