Seguici anche su

Ciclismo

Pogacar ribalta il Tour.

Il re del Tour è Tadej Pogacar con una cronometro spaziale.

Pubblicato

il

Tadej Pogacar firma una delle imprese più belle del ciclismo contemporaneo e con una cronometro fenomenale si va a prendere l’edizione 107 della Grande Boucle. Il giovane sloveno del Team UAE Emirates, 22 anni lunedì, si fa uno dei regali più belli per il suo compleanno vincendo la cronometro individuale con arrivo a Planche des Belles Filles.

L’impresa: In patria è considerato il predestinato delle 2 ruote ed oggi in un duello cronometro appassionante ha travolto il suo connazionale ed ex maglia gialla Primoz Roglic infliggendogli 1’57” di ritardo. Sul traguardo un abbraccio commovente tra i 2 due entrambi lacrimanti: Pogacar incredulo per la felicità e l’impresa compiuta, Roglic affranto per la sconfitta inaspettata. Al secondo posto della cronometro sono arrivati l’olandese Tom Doumolin e il tasmaniano Richie Porte con un distacco di 1’21”. Porte domani salirà sul gradino più basso del podio del tour. Ecco le prime parole di un emozionatissim Pogacar ai microfoni di Eurosport : “Un sogno, non posso credere a quello che ho fatto”.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ciclismo

Giro: iniziano le salite

Si arriva a Madonna di Campiglio

Pubblicato

il

Di

Diciassettesima tappa del 103^ Giro d’Italia, in programma dal 3 al 25 ottobre e organizzato da RCS Sport.

Partenza da Bassano del Grappa e arrivo a Madonna di Campiglio dopo 203 chilometri. Tappa che prevede oltre 5.000 metri di dislivello con l’inedita Forcella Valbona, il Monte Bondone dal versante di Aldeno e il Passo Durone prima del traguardo. 

La corsa ha passato il km 0 alle ore 10:28 con il gruppo forte di 136 corridori.

Continua a leggere

Ciclismo

A San Daniele Tratnik vince in solitaria

Prima vittoria dello sloveno in un grande giro, Almeida guadagna due secondi. Domani Dolomiti con arrivo a Madonna di Campiglio.

Pubblicato

il

Lo sloveno Jan Tratnik della Bahrain – McLaren ha vinto la sedicesima tappa del 103^ Giro d’Italia, da Udine a San Daniele del Friuli di 229km. Tappa dai due volti, il primo quello dei 28fuggitivi che con largo margine si sono giocati la vittoria di tappa, l’altro quello degli uomini di classifica.
Alle spalle dello sloveno, alla prima vittoria in un grande giro, secondo e terzo posto si sono classificati rispettivamente i compagni di fuga Ben O’Connor (NTT Pro Cycling Team) e Enrico Battaglin (Bahrain – McLaren). La Maglia Rosa João Almeida ha attaccato sullo strappo finale e ha guadagnato 2 secondi sui principali contendenti della generale, portando a 17″ il vantaggio in classifica sul secondo, Wilco Kelderman (Team Sunweb). Domani tanta montagna aspetta i ciclisti; l’arrivo a Madonna di Campiglio potrebbe cambiare il leader della corsa rosa.

 Le dichiarazioni: Il vincitore di tappa Jan Tratnik, subito dopo l’arrivo, ha dichiarato: “Non riesco ancora a credere di aver vinto. Ho attaccato da lontano, l’ultima salita è stata durissima. Non credevo che avrei potuto farcela, invece è stata una giornata perfetta. Siamo vicini alla Slovenia e oggi all’arrivo c’erano anche mio fratello e la mia ragazza. Nel finale ero a tutta: ai 500 metri dal traguardo ho visto la mia ragazza e ho trovato delle energie extra cha mi hanno permesso di vincere”. La Maglia Rosa João Almeida, subito dopo l’arrivo, ha dichiarato: “A volte la miglior difesa è l’attacco. Nel finale stavo bene e ho attaccato sull’ultimo strappo, guadagnando qualche secondo: è andata bene”.

Continua a leggere

Ciclismo

Giro: la tappa 2000 è friulana

Arrivo a San Daniele del Friuli

Pubblicato

il

Di

Giro: la tappa friulana. Partenza da Udine e arrivo a San Daniele del Friuli dopo 229km, con nel finale il Monte Ragogna – da scalare tre volte – compreso nei due giri di circuito di 27 km.

La corsa ha passato il km 0 alle ore 10:27 con il gruppo forte di 137 corridori. Non partito il dorsale n. 205 – Fernando Gaviria (UAE Team Emirates)

Tappa molto mossa con una prima parte su e giù per le Prealpi Giulie e il finale in circuito attorno a San Daniele del Friuli. I primi 150 km fino all’ingresso in circuito si svolgono in un continuo su e giù con tre GPM mediamente impegnativi. Il primo, la Madonnina del Domm, è il più lungo e ripido, i successivi (Monte Spig e Monteaperta) presentano punte a due cifre di pendenza, ma sono più brevi. I tratti in montagna sono su strade di media larghezza, mentre quelli in pianura sono rettilinei e ampi. Giunti a Majano si entra nel circuito che si percorre quasi interamente prima del passaggio sull’arrivo. Dopo l’ingresso si affronta il muro del Castello di Susans (circa 1km con pendenze a crescere fino al 16%). Dopo un breve discesa di alcuni chilometri pianeggianti si affronta il Monte di Ragogna (2.8 km al 10.4% medio, 16% max) che verrà scalato altre due volte nei due giri di circuito. Segue una breve e impegnativa di- scesa e l’avvicinamento all’arrivo attraverso strade ondulate.

Ultimi KM
A 3 km dall’arrivo si entra nell’abitato di San Daniele per affrontare alcuni strappi che portano all’ultimo km al muro di via Sottomonte (max 20%) seguito da una brevissima discesa per affrontare il rettilineo finale in asfalto di 200 m al 10% (largh. 6.5 m).

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 Oggi Sport.it iscritto al tribunale di Milano con il n.105 del 07 settembre 2020 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Marco Capriotti