Seguici anche su

Altri sport

Pallamano: Serie A Beretta femminile in campo con due partite

In campo Ferrara-Nuoro e Cingoli-Leno

Pubblicato

il

Sabato a ranghi ridotti per la Serie A Beretta femminile, in campo domani (sabato) per la 11^ giornata. Si giocano due partite, con Palaboschetto e Pala Quaresima come unici campi coinvolti. Due gare di sei, per l’esattezza: le positività al Covid-19 costringono al rinvio di Cassano Magnago – AC Life Style Erice, Cassa Rurale Pontinia – Mechanic System Oderzo, Cellini Padova – Guerriere Malo e soprattutto dell’atteso confronto tra Brixen Sudtirol e Jomi Salerno. Insomma, per una visione d’insieme bisognerà pazientare. 

Nel mentre, però, seppure con nomi meno roboanti classifica alla mano, ciò che va in scena non è comunque meno appassionante di ciò che invece salta. È il caso di Santarelli Cingoli – Leno, sfida-salvezza in piena regola. Quattro punti per parte, due sole squadre alle spalle per ora – Nuoro e Cellini Padova – e tanta voglia di reagire dopo le sconfitte dell’ultimo turno. A parità di partite giocate, numeri analoghi tra gol fatti e subiti: le marchigiane hanno segnato di più, con Lenardon in top-20, ma anche subito di più (267). Ha bisogno aggiungere gol al suo campionato Leno, che fin qui ha una media inferiore alle 20 marcature per gara. Numeri freddi, che sabato lasceranno spazio alle emozioni del campo. Confronto delicatissimo. Pronostico impossibile.

A completare il quadro c’è il match tra Ariosto Ferrara e Nuoro. Momento positivo per entrambe: le emiliano hanno convinto nel 31-18 contro Cingoli, dimostrando anche di non dipendere da tiratrici in particolare e di poter diversificare il proprio elenco delle realizzatrici a fine gara. Fattore importante per non dare punti di riferimento. Più individualista Nuoro, che sabato scorso ha strappato un punto preziosissimo a Mestrino spedendo a rete appena tre giocatrici sulle tredici a referto. Cosa rara, non c’è dubbio. Al Palaboschetto si parte alle 15:00.

Altri sport

Pallamano A1 femminile: solo due incontri

Alcune partite rinviate per il Covid-19

Pubblicato

il

Due sole partite nel sabato della Serie A Beretta femminile, caratterizzato da quattro rinvii causati dal Covid-19 e comunque da 120′ su due differenti campi – il Palaboschetto di Ferrara e il Pala Quaresima di Cingoli – per l’apertura della 12^ giornata di regular season. 
Nel festival del gol arriva la vittoria numero cinque in stagione per l’Ariosto Ferrara. Le emiliane fanno i conti col brio di Nuoro, rinvigorita dal punto strappato al Mestrino sabato scorso, ma in casa al Palaboschetto riescono a imporsi col risultato di 40-35 (p.t. 20-16). Ferrara sempre avanti, sì, ma senza mai fuggire. Le sarde – con la giovane Notarianni ancora una volta protagonista – restano aggrappate per gran parte del match. Prima e vera fuga ferrarese sul 15-10 e sul 17-11. Si va al riposo sul 20-16. Le difese non brillano, ma le tante reti divertono. Nuoro rientra con grinta dagli spogliatoi e torna sul -3. Poi però scivola, per merito dell’Ariosto, fino al 29-23 siglato da Crosta. Margine di sicurezza costruito e mantenuto. Finisce 40-35. L’Ariosto, complici anche gli stop delle concorrenti, risale la classifica e si porta a tre lunghezze dal secondo posto.  
A Cingoli, invece, due punti a domicilio per Leno nello scontro-salvezza. E in maniera anche piuttosto netta: un 26-17 (p.t. 11-8) che permette alle lombarde di risollevare la china e che invece imporrà qualche riflessione in settimana ad Analla e al team marchigiano. Sul balcone delle Marche si combatte per tutto il primo tempo, che pure Leno riesce a chiudere in vantaggio sull’11-8. Sarebbe uno scarto contenuto, che infatti lascia tutto aperto. Decidono però i secondi 30′ già nel loro avvio, con un break (4-0) che permette all’organico di Bravi di allungare fino al 15-8. Cingoli sbanda, si disunisce e fa fatica a ritrovare compattezza. Leno ne approfitta. Al 45′ il vantaggio delle bresciane è di sette reti (20-13). Con una prestazione di squadra – nove giocatrici a rete – Leno espugna la casa di Cingoli e sale a sei punti in classifica.
Ora il campionato di Serie A Beretta femminile si ferma. All’orizzonte alcuni recuperi, come Jomi Salerno – Guerriere Malo già fissata al prossimo 28 novembre per la 7^ giornata o ancora la sfida tra le campane e l’AC Life Style Erice del 5 dicembre. La regular season ripartirà il 12 dicembre con la 12^ giornata.

Continua a leggere

Altri sport

Pallamano A1 maschile, la giornata

Gli incontri odierni

Pubblicato

il

Sorpasso poteva essere, sorpasso è stato. Sfruttando l’impegno della Raimond Sassari nella European Cup, il Conversano, a una settimana dallo scontro diretto proprio coi sardi, fa il suo dovere fino in fondo, batte 28-25 (p.t. 15-11) lo Sparer Eppan al Pala San Giacomo e si prende il primato solitario della classifica. Niente fughe o sprint, sia chiaro. Un solo punto di vantaggio per i pugliesi e sempre dovendo comunque aspettare la lunga serie di recuperi che dovrà rimettere in ordine posizioni, numeri e valori. Ma nel frattempo i ragazzi di Alessandro Tarafino si confermano squadra in forma – nona vittoria in dieci gare – e dotata dell’istinto vincente. Storie di uomini giusti al posto giusto: Jacob Nelson e Demis Radovcic, due nuovi acquisti, che nel successo ai danni dell’Appiano segnano sette reti ciascuno, vanificando anche le otto segnature firmate Oberrauch dall’altro lato. Conversano gioca concentrata, vacilla solo per un attimo nella ripresa sul 21-19 e sul 23-21, ma sa essere sempre centrata, focalizzata sull’obiettivo. 
In Puglia in due, però. Vince anche l’Acqua&Sapone Junior Fasano, che mette così in fila il terzo successo consecutivo. Cade un’altra altoatesina dopo Bressanone sotto i colpi di Messina e compagni. Stavolta tocca all’Alperia Merano, battuta alla Palestra Zizzi col punteggio di 30-20 (p.t. 18-6). Un divario netto e che dimostra come i biancoazzurri abbiano ingranato la marcia, decisi più che mai a risalire una classifica che li vedeva in una posizione di eccessiva retroguardia. Il 14-4 al 19′ è un chiaro segnale della superiorità fasanese nel match contro Merano. Riposo sul 18-6 e poche emozioni nella ripresa. Fasano amministra. I punti in classifica ora diventano otto, abbastanza proprio per scavalcare i Diavoli Neri.
Colpaccio esterno della Santarelli Cingoli, che si aggiudica il match-salvezza del Pala Lo Bello e batte in casa la Teamnetwork Albatro. Finisce 32-27 (p.t. 14-10), esito di una partita giocata senza sbavature dai marchigiani, abilissimi nel piazzare il primo affondo già sul 7-4 e, con una serie di mini-break piazzati con pazienza, una ulteriore fuga sul 14-10 firmato Mangoni alla chiusura della prima metà. Massimo vantaggio sul 17-10 al 33′ – segna Antic – preludio ad un controllo sul confronto che nel secondo tempo diventa pressoché totale. Non succede più nulla, perché Siracusa, ancora con un Cuello protagonista nel tabellino (8), reagisce pallidamente. Cingoli invece festeggia: in un campionato così equilibrato, i due punti in Sicilia potranno pesare. 
Il Bressanone sorriso e due punti. Importante vittoria degli altoatesini in casa della Banca Popolare Fondi, che invece resta ferma al palo e fa i conti con una classifica sempre più intricata nelle parti basse. Il 25-21 (p.t. 12-9) in terra laziale, invece, aiuta i brissinesi a uscire proprio dalle sabbie mobili del fondo della graduatoria. Merito di una prestazione ordinata e fatta di concentrazione. Lo strappo decisivo sul finire del primo tempo con due reti consecutive di Basic (11-9) e il gol firmato Pivetta che vale il +3 di fine tempo. Nuova accelerazione col 15-11, grazie al quale Brixen assume il comando della gara. Il compito di tenere a distanza Fondi nei restanti 20′ del primo tempo è perfettamente eseguito. Successo importante per Bressanone, con il pensiero rivolto a Ennio Vigato, storico dirigente e tifoso dell’SSV scomparso nella giornata di ieri. 
Occhio al calendario: il 25 novembre recupero dell’8^ giornata tra Bressanone e Merano, ma sabato prossimo spazio al 13esimo turno stagionale col big match tra Conversano e Raimond Sassari.

Continua a leggere

Altri sport

Dazn down durante Juve- Cagliari

problemi sulla App del colosso televisivo

Pubblicato

il

Di

Dazn down durante Juve- Cagliari.

Brutta sorpresa oggi, 21 novembre 2020, a pochi minuti dal fischio di inizio di Juventus-Cagliari: la Tv in streaming DAZN sembra essere andata in down da un momento all’altro riportando alcuni codici di errore.  Non si tratta di un problema solo per gli utenti italiani, visto che moltissime segnalazioni arrivano anche dalla Germania.

A partire dall’intervallo sembra riprendere il servizio per chi vuole assistere in Italia alla Serie A e alla Liga Spagnola.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group s.r.l.s. | Oggi Sport.it iscritto al tribunale di Milano con il n.105 del 07 settembre 2020 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Marco Capriotti |