Seguici anche su

Basket

NBA draft, è la notte di Nico Mannion: sarà il quarto italiano nella lega più importante al mondo

Pubblicato

il

La notte del Draft NBA è come se fosse il primo giorno di lezioni per gli universitari: giovani, spensierati, pieni di sogni e di obiettivi da realizzare. Sarà cosi anche per i giocatori NBA questa notte, che verranno “smistati nelle loro case” come direbbero ad Harry Potter. Rosso di capelli come Ron Wesley, Nico Mannion è pronto per entrare nella lega cestistica più importante del mondo dalla porta principale, da dove vengono scelti i migliori prospetti universitari americani ed i giocatori che non provengono dall’oltreoceano più talentuosi. L’Italia aggiungerà così un altro giocatore a difendere il tricolore nella NBA dopo Danilo Gallinari, Marco Belinelli (entrambi ancora free agent) e Nicolò Melli (New Orleans Pelicans).

Negli USA Mannion è considerato uno dei prospetti più importanti della sua età (è classe 2001), soprattutto perchè è un giocatore molto intelligente. Non sarà mai un giocatore dominante per via della sua statura piuttosto gracile, ma di certo la sua comprensione del gioco e la sua capacità di smistare grandi assist saranno molto utili a molte franchigie. Non solo col pallone in mano, Mannion sa essere letale tirando dagli scarichi però fatica a crearsi un tiro dal palleggio e soprattutto dalla lunga distanza: nelle ultime 4 stagioni ha sempre avuto meno del 33% da tre punti. Come già detto prima, il nativo di Siena non è una corazza fisicamente (190 cm e 86 kg): questo difetto lo farà soffrire molto in fase difensiva e lo renderà un facile accoppiamento per gli esterni che lo metteranno in difficoltà.

Il suo ultimo anno ad Arizona gli ha fatto perdere posizioni nella lottery, infatti gli esperti USA lo davano addirittura nella top-10 ma i suoi limiti strutturali e fisici lo hanno fatto scendere nelle considerazioni delle franchigie. Chi questa notte sceglierà Nico Mannion saprà benissimo i rischi a cui va incontro, la sensazione è che però quando avrà terminato la sua maturazione fisica e di tecnica di tiro l’italiano potrà essere un buon giocatore di sistema, magari uscendo dalla panchina garantirà minuti di riposo al playmaker titolare. Come insegna Marco Belinelli la strada verso la gloria è molto lunga e tortuosa, ma con la giusta determinazione si possono fare cose importanti.

Forza Nico!

Basket

NBA, Marco Belinelli torna in Italia alla sua Virtus Bologna!

Pubblicato

il

Aveva lasciato da giovane Bologna per inseguire un grande sogno chiamato NBA, ora Marco Belinelli torna nella sua Emilia dopo essersi tolto immense soddisfazioni. L’ex giocatore dei San Antonio Spurs aveva esplorato la free agency, ma nessuna offerta arrivata rappresentava le sue esigenze. Motivo per cui Belinelli ha deciso di tornare in Italia, alla sua amata Virtus Bologna e con cui si è legato per 3 anni.

Continua a leggere

Basket

Salgono a 5 gli italiani nella NBA: Paul Eboua firma con i Miami Heat

Pubblicato

il

Si è reso eleggibile al draft NBA di settimana scorsa, ma nessuna franchigia lo ha scelto. Il sogno di Paul Eboua non di certo svanito, infatti il centro italiano l’anno scorso in forza alla VL Pesaro ha firmato nella notte un contratto Exhibit 10 con i Miami Heat, ai quali si unirà nel training camp della prossima settimana. Questo tipo di contratto si usa molto nella pre-season in NBA, permette alle squadre di poter utilizzare 20 giocatori nel roster per svolgere dei training camp ampi e alzare il livello degli allenamenti in vista della stagione. Se un giocatore dovesse convincere la squadra con cui si allena, la franchigia potrà offrirgli un Two-Way contract: un contratto a “gettoni” da utilizzare tra la G-League e la NBA.

L’obiettivo di Eboua è di strappare un contratto con i Miami Heat per ritagliarsi un minimo spazio nel roster dei vice Campioni NBA.

Continua a leggere

Basket

LBA: Il punto sulla 9^ giornata di campionato

A|X Milano sempre in testa alla classifica tallonata da Brindisi. Il derby di Bologna numero 109 sorride alle Vu Nere.

Pubblicato

il

Trento-Varese

Questa settimana si sono disputate sei gare su otto in LBA. Detto di Milano che sta facendo un campionato a parte, continua a stupire Brindisi saldamente al secondo posto. Il derby bolognese sorride alla Virtus mentre a Brescia e Roma continua a tirare brutta aria… ma facciamo come di consueto il punto sulla giornata di campionato appena trascorsa.

Il numero 9 è stato un po’ il leitmotiv della gara tra Milano (18) e Venezia (10). Nove sono infatti le vittorie consecutive dell’Olimpia, nove (di cui 6 senior) sono i giocatori che ha potuto schierare la Reyer, in quella che sarebbe dovuta essere il primo banco di prova probante per i biancorossi. Con le rotazioni tirate all’osso i ragazzi di De Raffaele hanno offerto una strenua resistenza (86-72), ma alla lunga poco hanno potuto contro il “trio delle meraviglie” Leday (20 punti), Delaney (16 punti) e Shields (14 punti).

Seppur priva di Leunen, Cantù (6) ha schiantato la Virtus Roma (4) chiudendo il referto su un bel 101-85, frutto di un controllo constante sulla gara, concretizzato in particolare nel secondo periodo (23-15). In casa Pancotto ben 6 giocatori in doppia cifra con la perla del 21+12 di Donte Thomas e dei 15 punti (5/6 dalla lunga) del giovane Procida. Tra le fila virtussine ormai non fanno più notizia le grandi prestazioni di Tommaso Baldasso (19 punti), al quale si è aggiunto questa volta l’ottimo Ygor Biordi (14 punti)

Il Derby 109 sorride alla Virtus Bologna (10) che ha condannato la Fortitudo (2) alla settima sconfitta in campionato. Dopo due quarti tutto sommato in equilibrio (41-47) nei secondi 20′ la Fortitudo è letteralmente scomparsa dal parquet, sciogliendosi come neve al sole. Djordjevic ha potuto invece godersi un Teodosic da 14 assist e ben 6 giocatori oltre i 10 punti, tra cui Pajola (14 punti) che per la prima ha scollinato la doppia cifra. La Effe, con grossi problemi in cabina di regia, deve assolutamente invertire il trend o la salvezza inizia a farsi sempre più complicata

Seconda vittoria consecutiva per Varese (8) che espugnando (74-77) il parquet di Trento (8) ha agganciato in classifica proprio la Dolomiti Energia. La clamorosa prestazione di Toney Douglas (28 punti + 8 rimbalzi) e lo “scontato” ventello di Scola hanno portato in dote a coach Bulleri punti pesanti in ottica classifica. In casa Trento, complici le assenze J. Williams e Luke Maye, il calendario dell’ultimo mese, pesante a livello fisico, ha tolto energie mentali e fisiche per gestire al meglio gli ultimi minuti di gioco.

Continua a volare alto Brindisi (16) che ha regolato non senza soffrire (74-71) una Brescia (4) vogliosa di risalire la china in classica. D’Angelo Harrison con 19 punti è stato il migliore dei suoi ma questa volta sono manati i punti di Willis e Thompson. In casa Brescia, oltre alla panchina bollente di Esposito, pare si sia aperta la “grana” Bortolani, non utilizzato contro Brindisi, che vorrebbe tornare a Biella per recuperare fiducia e minuti.

Pesaro (10) non si ferma e sul parquet di casa ha rifilato un bel ventello (84-63) ad una Reggio Emilia (6), al ritorno in campo dopo quasi 1 mese di stop. Per coach Repesa sugli scudi l’ottimo Filipovity (16 punti) e il “sempreverde” Carlos Delfino (19 punti).
Nota a margine: ha vinto più partite Repesa (5) in questi due mesi che Pesaro nelle ultime due stagioni (4).

RISULTATI (9^ giornata)
Allianz Pallacanestro Trieste – De’ Longhi Treviso Basket Rinviata
Vanoli Basket Cremona – Banco di Sardegna Sassari Rinviata
A|X Armani Exchange Milano – Umana Reyer Venezia 86-72
Acqua S.Bernardo Cantù – Virtus Roma 101-85
Fortitudo Lavoropiù Bologna – Virtus Segafredo Bologna 71-91
Dolomiti Energia Trentino – Openjobmetis Varese 74-77
Happy Casa Brindisi – Germani Brescia 74-71
Carpegna Prosciutto Pesaro – UNAHOTELS Reggio Emilia 84-63

CLASSIFICA (9^ giornata)
1. A|X Armani Exchange Milano 18 9/0
2. Happy Casa Brindisi 16 8/1
3. Virtus Segafredo Bologna 10 5/3
4. Carpegna Prosciutto Pesaro 10 5/3
5. Umana Reyer Venezia 10 5/3
6. Banco di Sardegna Sassari 8 4/4
7. Openjobmetis Varese 8 4/5
8. Dolomiti Energia Trentino 8 4/5
9. UNAHOTELS Reggio Emilia 6 3/3
10. De’Longhi Treviso 6 3/3
11. Acqua S.Bernardo Cantù 6 3/4
12. Allianz Pallacanestro Trieste 4 2/3
13. Vanoli Basket Cremona 4 2/4
14. Virtus Roma 4 2/7
15. Germani Brescia 4 2/7
16. Fortitudo Lavoropiù Bologna 2 1/7

per info:   https://oggisport.it/category/basket/ – http://www.legabasket.it/ – https://oggisport.it/tag/lba

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group s.r.l.s. | Oggi Sport.it iscritto al tribunale di Milano con il n.105 del 07 settembre 2020 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Marco Capriotti |