fbpx
Seguici anche su

Calcio

Matelica: la Dg commenta la sconfitta di Verona

Pubblicato

il

MATELICA – Il commento della DG Nocelli post VirtusVecomp Verona – Matelica

Assolutamente non per cercare alibi, la DG del Matelica Roberta Nocelli ieri sera si è espressa con un lungo post sui suoi social personali.

“È proprio vero – ha scritto – per giocare a calcio non basta essere dotati dalla nascita, ben allenati e tatticamente preparati. Ai tempi del Covid questo, purtroppo, assume un altro valore ed un altro peso. Con la VirtusVecomp Verona abbiamo perso per 1-0 e non penso che i ragazzi siano scesi in campo per aspettare il fischio finale. Credo che ognuno di loro avrebbe voluto portare a casa i punti a tutti i costi, peccato. Non è andata così, ma non ci abbattiamo”.

“In settimana abbiamo vissuto con ansia l’attesa dei risultati dei tamponi (tutti negativi) che sono arrivati sabato e poi tutto il gruppo squadra è partito sereno, ma mai tranquillo. Il fattore mentale nel calcio – ha proseguito la Nocelli – incide tantissimo. In questo momento gli equilibri corrono su un filo di lana e bastano cinque linee di febbre, anche una semplice influenza, per creare subbuglio, incertezze e panico. Leggo, ascolto e spesso non condivido questa visione che hanno i più del calcio, soprattutto in serie C che è l’ultimo anello dei professionisti, di certo non per importanza. Il calcio ai nostri livelli è un lavoro. Dentro alla società c’è un mondo di persone che in modo professionale lavorano ininterrottamente dal lunedì alla domenica. Dovremo tutti fare uno sforzo in più, dovremmo allenare la nostra mente alla ‘positività’, termine quanto meno paradossale oggi, ma quanto mai ricco di significato”.

“Per la prima volta – ha concluso la DG – non sono andata alla partita e ho dovuto seguirla in tv. Non vivere la sfida dal campo non mi ha dato le stesse emozioni che di solito mi godo dal vivo quando sento le voci, i rumori ecc ecc. Teniamo duro ragazzi, rispettiamo il distanziamento, usiamo la mascherina, igienizziamoci le mani e non perdiamo mai di vista il nostro obiettivo. Come dice sempre mister Colavitto, restiamo concentrati”.

“Questo – ha precisato oggi la DG – non per cercare scusanti o altro, ci mancherebbe. Non voglio dire che la sconfitta di ieri sia stata figlia di questa motivazione. La mia era una riflessione generale, non solo rivolta al Matelica nel caso specifico. Vista la situazione attuale, con i casi in crescendo e tante possibili strette in tutto il Paese, tutti i giocatori che scendono in campo con la testa occupata da preoccupazioni ne possono essere condizionati. La concentrazione e l’adrenalina pre-gara risentono del clima che c’è intorno e mai come in questo periodo c’è bisogno di trasmettere ai ragazzi non solo impegno ed attenzione, ma anche serenità. Altrimenti il momento più atteso di questo sport, ovvero la partita, diventa un concentrato di tensione e non più solo il teatro di quelle emozioni che ci fanno battere il cuore, gioire, arrabbiare e lavorare duro tutti i giorni”.



Per info su Oggi Sport: https://oggisport.it/ e la pagina Facebook https://www.facebook.com/oggisport/?notif_id=1597904047411099&notif_t=page_fan


Calcio

Tre partite importanti per il Cittadella

Scontro con le prime due della classifica in trasferta

Pubblicato

il

Tre partite importanti per il Cittadella.Sabato all’ ‘U-Power Stadium’ la sfida contro il Monza, martedì prossimo il turno infrasettimanale al Tombolato contro il Pescara per poi andare ad affrontare la capoclassifica Empoli al ‘Castellani’.

Ecco le tappe di avvicinamento della squadra.

GIO 25/02 | Allenamento ore 14.30

VEN 26/02 | Rifinitura ore 10.30

SAB 27/02 | MONZA – CITTADELLA
‘U-Power’ Stadium ore 16.00

DOM 28/02 | Allenamento ore 11.00

LUN 01/03 | Rifinitura ore 14.30

MAR 02/03| CITTADELLA – PESCARA
Stadio ‘Tombolato’ ore 19.00

MER 03/03 | Allenamento ore 11.00

GIO 04/03 | Allenamento ore 14.30

VEN 05/03 | Allenamento ore 14.30

SAB 06/03 | Rifinitura ore 11.00

DOM 07/03 | EMPOLI – CITTADELLA
Stadio ‘Castellani’ ore 15.00

Continua a leggere

Calcio

I numeri di Monza-Cittadella

Sabato in Brianza alle ore 16

Pubblicato

il

I numeri di Monza-Cittadella. Le statistiche dell’incontro di sabato prossimo in Brianza.

Il Monza ha vinto tutte le tre partite di Serie B contro il Cittadella: tra le squadre contro cui i lombardi hanno sempre vinto, è quella contro cui hanno giocato di più.

Il Monza ha vinto l’unica partita casalinga contro il Cittadella in Serie B: 1-0 nell’ottobre 2000.

Il Monza ha tenuto la porta inviolata 12 volte in questa Serie B, almeno due più di ogni altra squadra.

Il Monza non ha segnato nell’ultima partita casalinga di Serie B, contro il Pisa: non rimane a secco due gare interne in cadetteria dal gennaio 2001 (contro Ravenna e Sampdoria).

Il Cittadella è la squadra che attende da più turni lo 0-0 tra quelle che partecipano a questo campionato, 37; l’ultimo segno ‘X’ a reti inviolate dei granata risale al 29 febbraio 2020, nel match interno contro la Cremonese.

Il Cittadella ha vinto l’ultima trasferta di Serie B, contro il Pordenone, e non ottiene due successi esterni di fila in un singolo campionato dallo scorso giugno.

Il Monza ha segnato tutte le ultime sue quattro reti in Serie B nel corso dei secondi tempi (a febbraio non ha mai trovato il gol nella prima frazione).

Cittadella e Monza sono le due squadre che in questo campionato hanno segnato più gol di testa (11).

Mario Balotelli ha segnato nelle sue ultime due presenze da titolare: l’ultima volta che ha segnato in tre partite da titolare di fila in campionato è stata nel maggio 2018, con la maglia del Nizza.

Davide Diaw ha segnato il suo primo gol in Serie B contro il Cittadella, nel dicembre 2016 con la maglia della Virtus Entella. 

Fonte: StatsPerform

Continua a leggere

Calcio

Champions League, l’Atalanta c’è, Stieler no: il Real Madrid vince nel finale grazie a Mendy

Pubblicato

il

Il cuore dell’Atalanta regge per 85′ contro un Real Madrid non troppo brillante, a cui serve un tiro dalla distanza di Mendy per vincere l’andata degli ottavi di finale di Champions League. A decidere la gara è stata la folle espulsione concessa a Remo Freuler per un fallo allo stesso Mendy dopo 17′, che ha indirizzato il match verso un dominio spagnolo anche se sterile e senza avere reali occasioni da gol. In più, c’è da aggiungere anche l’infortunio di Duvan Zapata a metà primo tempo per capire quanto la notte della Dea sia stata davvero stregata.

Nella ripresa l’Atalanta non può far altro che giocare nella propria metà campo, chiudendo gli spazi e tempi di gioco in maniera eroica. Il Real Madrid poteva sbloccarla solamente con un episodio e così l’ha fatto, con quel Mendy che, mancino di piede, calcia di destro da 30 metri per trafiggere Gollini. Per sottolineare la serata decisamente no dell’arbitro Stieler, c’è da segnalare anche una mancata espulsione per doppia ammonizione su Casemiro quando il risultato era ancora sullo 0-0.

Ora all’Atalanta servirà un’impresa al Bernabeu: la Dea deve solo vincere per passare il turno, ma viste le prestazioni di questi anni si può sperare di poter ribaltare il risultato anche contro il Real Madrid.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group s.r.l.s. | Oggi Sport.it iscritto al tribunale di Milano con il n.105 del 07 settembre 2020 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Marco Capriotti |