Seguici anche su

Altri sport

La Virtus Arechi non si ferma più…

Battuto anche Avellino

Pubblicato

il

Quattro vittorie di fila. Una più importante dell’altra. Una diversa dall’altra. Al termine di una partita intensissima, e anche sofferta, la Virtus Arechi Salerno si impone nel derby con la Felice Scandone Avellino. 85-79 il finale al Pala Longo.

Pronti via e la squadra di coach Parrillo deve subito fare i conti con la qualità di Sousa.

Uno scenario che di fatto si ripeterà fino alla fine di un derby contratto, qualitativo solo a sprazzi, ma decisamente intenso.

Ad inizio secondo quarto per Salerno la situazione si complica ulteriormente, ma la zona proposta in difesa da Parrillo e qualche giocata di Cardillo e Gallo sono utili per tenere il derby in equilibrio.

La prima vera scossa arriva a inizio ripresa, (49-41 al 24’). Avellino, però, non molla, con carattere ricuce lo strappo, merito anche dei 4 punti di Sousa e delle giocate di un reattivo e propositivo Ani.

Ma entrambi si ritrovano prima dell’ultimo quarto con quattro falli a carico, all’inizio invece Mazzarese deve alzare già bandiera bianca a causa del quinto fallo personale.

Proprio come accaduto in avvio della ripresa, anche questa volta la Virtus parte fortissima: Gallo, Mennella e Valentini costruiscono il +10 (70-60). Ma tanto per cambiare gli ospiti non mollano e così negli ultimi minuti accade praticamente di tutto.

Prima ci pensa Brunetti con 9 punti di fila, poi Riccio con due triple e un canestro nel pitturato che ribaltano addirittura il punteggio (75-77 a 1:31 dalla sirena).

La reazione blaugrana è affidata a Cardillo che con personalità realizza la tripla del 78-77, dall’altra parte del campo però riecco nuovamente Riccio che ne segna altri due

Ma la giocata decisiva è quella di Rossi a 22” quando mette insieme prima il 13° rimbalzo di giornata e poi il canestro dell’ennesimo sorpreso con tanto di tiro libero conquistato e trasformato.

Avellino torna in panchina per preparare l’ultima azione, ma la Virtus si compatta in difesa e porta a casa una vittoria pesantissima.

Altri sport

Mandzukic: visite mediche a Milano

Pronto il contratto per sei mesi con il Milan

Pubblicato

il

Mario Mandzukic ha iniziato questa mattina le visite mediche con il Milan. Il croato,atterrato ieri sera nel capoluogo lombardo, si è recato questa mattina alla clinica La Madonnina.

Terminati i test fisici e ricevuta l’idoneità sportiva (è fermo da più di un anno dal calcio agonistico), l’attaccante ex bianconero firmerà il contratto con il club rossonero nelle prossime giornate. 

Continua a leggere

Altri sport

La Virtus Arechi sconfitta dalla capolista Rieti

Coach Parrillo: “Le percentuali al tiro hanno fatto la differenza”

Pubblicato

il

Dopo quattro vittorie consecutive si interrompe la striscia positiva della Virtus Arechi Salerno (priva ancora di Maggio ma con Rezzano in quintetto) costretta a fare i conti con la sconfitta in casa della capolista Real Sebastiani Rieti.

La gara: sin dal primo momento la sfida del PalaSport di Valmontone si dimostra bella e avvincente. Nei primi cinque minuti (11-7 il punteggio) la squadra di casa spara costantemente da tre punti, mentre la Virtus ha in Mennella il principale terminale offensivo. Coach Parrillo, comunque, non si fida e decide saggiamente di ragionarci su. E fa bene, perché al rientro in campo dopo il time-out i blaugrana ribaltano il risultato: Cardillo si conquista diversi giri dalla lunetta, De Fabritiis spacca in due la difesa avversaria, Valentini realizza il canestro del 16-17. Ma proprio in chiusura di primo quarto Rieti torna a colpire dall’arco dei tre punti, prima con Traini e poi con Loschi (23-17 al 10’).

Lo svantaggio, però, non scompone una buona Virtus che nel secondo periodo con personalità e con le giocate di Tortù e Mennella sfiora il nuovo vantaggio. Poi, però, negli ultimi cinque minuti di primo tempo, complice qualche fischio dubbio, il tecnico chiamato al capo allenatore salernitano e la “bomba” di Casini sulla sirena (9/16 di squadra), il distacco aumenta (-10 all’intervallo lungo). Uno svantaggio che cresce, senza quasi rendersene conto, ad inizio ripresa quando al 22’ la Virtus va sotto di 15 lunghezze. Intanto Valentini è caricato di 3 falli e Cardillo di 4. Salerno, comunque, non molla, al 33’ potrebbe arrivare anche sul -7 ma dal perimetro non è serata. Finisce così 86-73 per Rieti.

Al termine della gara queste le dichiarazioni di coach Adolfo Parrillo: “La vera differenza tra noi è loro è legata alle percentuali al tiro, in più nel primo tempo in difesa abbiamo concesso troppo spazio. A mio avviso però, nonostante la sconfitta usciamo rafforzati, perché abbiamo dimostrato che al completo possiamo giocarcela. Ovviamente siamo consapevoli che ora Rieti ha preso un vantaggio importante per il primo posto del girone”.

Continua a leggere

Altri sport

Una Jomi Salerno con la testa al campionato saluta l’Europa

Salernitane superate nella gara di ritorno

Pubblicato

il

Una Jomi Salerno con la testa al campionato saluta l’Europa. Capitan Napoletano e compagne sono state infatti superata dal Lokomotiva Zagabria con il risultato di 34 a 18 nella gara di ritorno degli ottavi di finale dell’European Cup.

Partono subito forte le padrone di casa che con Kalaus, Civljak e Japundza volano sul tre a zero dopo pochi minuti di gara. La Jomi Salerno non ci sta e grazie alle reti di Krnic e Stettler (autrice di una doppietta) pareggiano subito i conti (3 – 3). Trascinata dalle reti di Simara la Lokomotiva Zagabria allunga nuovamente nel punteggio (10 – 4) .

Le padrone di casa continuano a premere il piede sull’acceleratore ed allungano ancora sino al 13 – 4. Il sette allenato da Laura Avram prova a tenere testa alle quotate avversarie con la doppietta di Manojlovic. La prima frazione di gioco si chiude comunque con Zagabria avanti con il risultato di 19 a 6.

Ad inizio ripresa la solita Manojlovic e Gomez rispondono alla doppietta di Kalaus (21 – 8). Una incontenibile Simara continua a segnare reti a ripetizione permettendo alle croate di allungare ancora nel punteggio (26 – 11).

Lauretti Matos, Romeo, Gomez e Canessa provano a tenere a galla la Jomi Salerno: a metà del secondo tempo le salernitane sono sotto con il risultato di 28 – 15. Nei minuti successivi capitan Napoletano e compagne tirano i remi in barca pensando al campionato.

La Lokomotiva Zagabria, nonostante l’inserimento di qualche seconda linea, continua a segnare a ripetizione. Romeo segna l’ultima rete in casa Jomi Salerno, la gara si chiude con il punteggio di 34 a 18 in favore del team allenato da Nenad Sostaric

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group s.r.l.s. | Oggi Sport.it iscritto al tribunale di Milano con il n.105 del 07 settembre 2020 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Marco Capriotti |