fbpx
Seguici anche su

Basket

Il Natale più buio dello sport italiano Al via la campagna #salviamolosport

Iniziativa delle squadre Lega Pro Calcio, Basket e Volley

Pubblicato

il

 245 club appartenenti alla Lega Pro, alla Lega basket Serie A, alla Lega Nazionale Pallacanestro, alla Lega volley maschile e alla Lege pallavolo femminile vivranno il Natale più buio di sempre se il governo non interviene con aiuti concreti. Lo sport italiano, lo sport dei territori, le Leghe e i club che rappresentano il cuore del movimento sono drammaticamente sull’orlo del baratro, non avendo beneficiato di aiuti pubblici, a differenza di quanto accaduto in Germania, Gran Bretagna e Francia. In Europa infatti è stato riconosciuto lo stato di sofferenza delle società sportive che, svolgendo un’impareggiabile funzione sociale, stanno portando avanti i propri campionati tra crescenti difficoltà economiche che ne mettono seriamente a rischio ormai la stessa sopravvivenza. In Italia non è accaduto.

Intanto però, tra costi sanitari aggiuntivi per tamponi e “bolle” e mancati ricavi da botteghino a causa della prolungata chiusura di stadi e palazzetti – che a causa della pandemia di Covid-19 potrebbe protrarsi per l’intera stagione ­­- decine di club rischiano di dover chiudere i battenti, mandando in rovina patrimoni sportivi, sociali e territoriali costruiti in decenni di attività.

Il Ministro Spadafora, il Ministro Gualtieri e gli esponenti parlamentari hanno ricevuto un pacchetto di proposte che contiene misure di alleggerimento fiscale, un fondo perduto per far fronte alle spese sanitarie, finanziamenti erogati dall’Istituto per il Credito Sportivo garantiti a livello centrale per le esigenze di liquidità. I club si appellano al governo perché venga concessa il prima possibile una qualche forma di ristoro.

Finora per queste realtà che non possono fare affidamento su cospicui ricavi televisivi, il governo ha provveduto a varare una legge che riconosce un credito d’imposta del 50% sulle sponsorizzazioni. Ma la mancata approvazione del decreto attuativo, chiamato a risolvere anche alcune incertezze interpretative, ha creato un’impasse che sta depotenziando, se non vanificando, l’efficacia dell’intervento. Nella stagione sportiva 2020/2021 i ricavi da sponsorizzazione si sono ridotti di almeno un terzo rispetto alla precedente.

Il grido di allarme dei club è stato raccolto dal Comitato 4.0 che, tramite una survey alla quale hanno partecipato il 90% delle società, ha evidenziato, da parte del 95% dei rispondenti, la necessità di un aiuto finanziario per completare la stagione sportiva in corso. Per le società sportive si stima un fabbisogno medio pari al 42% dei ricavi della stagione sportiva 18/19, con una media di 623 mila euro a testa. Finora solo un terzo della platea ha ricevuto un sostegno statale per fronteggiare la crisi Covid-19. Ma l’ammontare medio di questi aiuti, per i club che li hanno ricevuti, copre appena il 14% di questo fabbisogno.

Bisogna agire con tempestività. L’urgenza di ricevere aiuti è espressa dalla metà dei club che stima di non poter resistere oltre gennaio con risorse proprie. I sacrifici fin qui compiuti dai proprietari non bastano più e sarebbe ancora più drammatico se si rivelassero in definitiva inutili. Per 8 club su 10 sarebbe utilissimo perciò un finanziamento garantito dallo Stato, un assegno per superare il momento di difficoltà da restituire in un arco di tempo ragionevole e soprattutto a fronte dell’impegno di intraprendere, anche grazie a questo supporto, un virtuoso percorso di ripartenza fondato sulla sostenibilità.

Sono 77 i club, pari ad un terzo della platea, che in assenza di un finanziamento con garanzia dello stato probabilmente non si iscriveranno alla prossima stagione sportiva.

L’indagine parla chiaro. Non c’è più tempo, servono azioni concrete. I club chiedono che lo sport venga salvato (#salviamolosport):a rischio ci sono migliaia di posti di lavoro tra atleti e componenti dello staff così come il ruolo sociale svolto sul territorio dai club, soprattutto a beneficio dei più giovani. Infine, rischia di venir meno il gettito fiscale di circa 23 milioni di euro generato dalle attività di queste aziende sportive. 

Basket

Basket: Brindisi perde in casa con Cremona

Vittoria dei lombardi in Puglia

Pubblicato

il

HAPPY CASA BRINDISI-VANOLI CREMONA 67-78
Parziali 17-19, 27-47, 42-60
HAPPY CASA BRINDISI: Krubally  13, Willis 4, Harrison 18,  Bostic  8, Visconti 2, Udom 7,  Gaspardo 10,   Bell 5,    Cattapan, Guido, Motta ne  All. Morea
VANOLI CREMONA: Poeta ne  Mian 22 , J Williams  9, Lee  4, TJ Williams 12,   Hommes 8,    Barford  11,   Cournooh 12.  Trunic e Donda ne.  All. Galbiati
L’Happy Casa Brindisi interrompe la sua serie di otto  successi consecutivi cedendo a sorpresa al PalaPentassuglia contro una formidabile Vanoli Cremona per  67-78 . Tanti  festeggiamenti  per gli ospiti che hanno espugnato il parquet della capolista e protagonista del momento  ed  ottenuto la certezza matematica di restare nella massima serie. Per la cronaca Reggio Emilia si è affermata al Paladesio contro Cantù dando un ulteriore sigillo  ai cremonesi  (in virtù del favorevole scontro diretto) per la salvezza.  Per il team di coach Galbiati, considerando che li roster è stato allestito una settimana prima dell’inizio delle ostilità,  equivale ad una “conquista dello scudetto”. I pugliesi dal canto loro hanno l’alibi” di non essere stati al completo, senza i due play titolari, Thompson e capitan Zanelli e Perkins  e Cremona ne ha approfittato per fare il “doppio colpo”  Le scelte tattiche di coach Galbiati danno dividendi, anche perché ha sul parquet giocatori veloci  che sanno  rallentare od aumentare il ritmo della gara per cambiare l’inerzia. Ciò nonostante  i problemi muscolari di Peppe Poeta rimasto in panchina. Brindisi ha da subito commesso l’errore di mettere in ritmo l’avversario concedendogli piu possibilità di tiro. Ora Cremona potrebbe addirittura agganciare i play-off.
Primo Quarto:  I ragazzi di coach Morea (in panchina al posto di Frank Vitucci alle prese con il covid)   all’inizio del match sono  un po’ leziosi  e Cremona parte bene con Cournooh  e soprattutto Mian per il 10-16 al  7′. I locali ritrovano la fiducia ed accorciano il distacco 17-19 al 10′.
Secondo Quarto. Cremona è subito in ritmo e sorprende l’Happy Casa che sbanda  e subisce un parziale di 9-0. Brindisi in attacco non produce il suo solito gioco  e i cremonesi lavorando bene in difesa,  lanciano i contropiedi. Barford commette il terzo fallo ma Mian è inarrestabile da tre punti e favorisce un incredibile allungo sino al più 20 dell’intervallo lungo 27-47 con 8 su 19 da tre punti.
Terzo Periodo : Brindisi non ha punti di riferimento in avanti  ma ha più forza in difesa. Si mette in luce Harrison con 7 punti e Cremona ha qualche problema.  Mian e compagni  affrettano i tiri  sbagliandone qualcuno di troppo ma   mantengono   comunque l’assoluto controllo del match 42-60 al 30′.  
Quarto Periodo  Harrison cerca di rimettere in carreggiata i suoi ma commette il quarto fallo e va in panchina. La partita si riaccende per Brindisi che ha un altro atteggiamento e Cremona va in confusione. Al 34′ è ben altra partita sul 54-64.  Il team di Morea ha l’inerzia dalla sua parte. Cremona si affida alle accelerazioni di Cournooh sul 59-69 del 35′. I lombardi perdono lucidità ed Harrison commette il quinto fallo al 37′. Restano 10 i punti di vantaggio degli ospiti al 38′ 64-74 che bastano per arrivare alla fine del match con successo.

Continua a leggere

Basket

LBA: Playoff al via l’8 maggio

Pubblicato

il

Umberto Gandini

Si è svolta oggi l’Assemblea delle società facenti parte della LBA – Lega Basket Serie A. che messo in chiaro alcuni punti fondamentali per la prossima stagione.

Il Presidente Umberto Gandini, vista la decisione del Governo, in occasione della gara tra Italia e Turchia del prossimo 11 giugno, di aprire al 25% lo Stadio Olimpico di Roma , ha illustrato ai club la situazione relativa alla possibile riapertura al pubblico delle arena di gioco, seppure in forma limitata.

E’ stato inoltre approvato il Manuale per la concessione delle licenze nazionali, argomento molto dibattuto negli scorsi mesi, dando mandato al Presidente Gandini di sottoporlo alla ratifica della FIP.

In particolare si è poi si è stabilito che playoff scudetto inizieranno con i quarti di finale dall’8 e 9 maggio. Si disputeranno su 5 gare sia i quarti che le semifinali, mentre la finale sarà al meglio delle 7 gare.

per info:   https://oggisport.it/category/basket/ – http://www.legabasket.it/ – https://oggisport.it/tag/lba

Continua a leggere

Basket

LBA: Il punto sulla 26^ giornata di campionato

Giornata con il botto in LBA… al PalaPentassuglia Brindisi batte Milano e si prende il primo posto con la Virtus Bologna che, dopo la vittoria contro Trieste, sabato darà l’attacco alla seconda posizione. In coda pesante vittoria di Reggio Emilia mentre Cantù vede la salvezza lontana quattro punti .

Pubblicato

il

Brindisi-Milano

Giornata con il botto in LBA… al PalaPentassuglia Brindisi batte Milano e si prende il primo posto con la Virtus Bologna che, dopo la vittoria contro Trieste, sabato darà l’attacco alla seconda posizione. In coda pesante vittoria di Reggio Emilia mentre Cantù vede la salvezza lontana quattro punti .

Fortitudo Lavoropiù Bologna – Carpegna Prosciutto Pesaro 77-79*
Torna alla vittoria (con giallo perchè la Fortitudo Bologna ha presentato ricorso) la VuellePesaro che espugnando Bologna si rilancia in ottica play-off, blindando di fatto la salvezza.
Dopo un gran secondo quarto Pesaro scappava nel punteggio ma i padroni di casa rimontavano mettendo anche il naso avanti.
Nel finale Baldasso prima segnava la tripla del pareggio (77–77) ma poi si dimentica colpevolmente Robinson che appoggiava il 77-79 che avrebbe chiuso la gara, nonostante Bologna avesse avuto in mano per due volte il pallone della vittoria. Nel post gara la F ha presentato ricorso per la presenza in campo di Robinson

De’ Longhi Treviso Basket – Banco di Sardegna Sassari 89-85
Sesta vittoria consecutiva per Treviso che ha battuto Sassari toccando con mano la certezza dei playoff. Per i ragazzi di coach Menetti 30 minuti di grande basket ma negli ultimi 10 la rabbiosa rimonta di Sassari rimescolava le carte in tavola. Ci pensavano poi le triple di Imbrò e Sokolowski a ricacciare indietro gli ospiti. Per Treviso ottima prova del lungo Mekowulu che ha messo a referto un pesante 21+12 rimbalzi.

UNAHOTELS Reggio Emilia – Openjobmetis Varese 95-77
In ottica salvezza pesantissima vittoria di Reggio Emilia che ha vinto di 18 contro Varese, stoppando a quattro la striscia di vittorie consecutive dei ragazzi di Caja. Con questa vittoria Reggio aggancia Brescia portandosi a +4 su Cantù.

Umana Reyer Venezia – Germani Brescia 94-87
Decisivi per la Reyer i 30 punti di Mitchell Watt che consentono ai padroni di casa di conquistare, complice la sconfitta di Sassari, due punti importanti in ottica classifica. Per Brescia si tratta dalla quinta sconfitta consecutiva. Gara dai due volti, con un primo tempo scoppiettate e secondi 20 minuti dominati dalle difese. Venezia brava a gestire il vantaggio accumulato nei quarti centrali dalla gara, non facendosi travolgere dall’ottima prestazione in casa Brescia di Wilson (21 punti).

Acqua S.Bernardo Cantù – Dolomiti Energia Trentino 75-76
Cantù perde in casa contro Trento e vede la LegaDue sempre più vicina. Nonostante una gara sempre di rincorsa i canturini a 10 secondi dalla fine, grazia ad un pazzesco canestro di Leunen, passavano addirittura in vantaggio, se non fosse che nel capovolgimento di fronte Williams segnasse il definitivo 75-76 per Trento. Per Cantù i punti da recuperare su Brescia rimangono 4 ma le partite ancora da giocare non autorizzano sogni di gloria.

Virtus Segafredo Bologna – Allianz Pallacanestro Trieste 81-67
Senza Belinelli, Markovic e Teodosic e in panchina per 40’ Hunter, la Virtus Bologna con le seconde linee ha avuto vita facile su Trieste. Bologna, grazie alle ottime prove di Abass e Adams, è stata sempre avanti nel punteggio, contenendo il ritorno nel terzo periodo dell’Allianz e allungando definitivamente negli ultimi 10 minuti fino al +17 finale. e chiudendo senza stress una partita da vincere per tenere vive anche le speranze di mettere le mani sul primo posto della stagione regolare.

Happy Casa Brindisi – A|X Armani Exchange Milano 80-71
Brindisi si dimostra ancora una volta la realtà più bella della stagione. Pazzesca vittoria in casa contro Milano, 2-0 nei confronti diretti e primo posto in classifica agguantato. La vittoria che regala il primo posto a Brindisi è arrivata nella partita che meno ci si aspettava, anche perchè le assenze legate al Covid-19 di Harrison, Thompson, Perkins e coach Vitucci, non facevano presagire nulla di buono. Grande prova del collettivo contro un’Olimpia stanca e con la necessità di ricaricare le batterie in vista del finale di stagione e dei play-off di Eurolega.

Risultati
Fortitudo Lavoropiù Bologna – Carpegna Prosciutto Pesaro 77-79*
De’ Longhi Treviso Basket – Banco di Sardegna Sassari 89-85
UNAHOTELS Reggio Emilia – Openjobmetis Varese 95-77
Umana Reyer Venezia – Germani Brescia 94-87
Acqua S.Bernardo Cantù – Dolomiti Energia Trentino 75-76*
Virtus Segafredo Bologna – Allianz Pallacanestro Trieste 81-67
Happy Casa Brindisi – A|X Armani Exchange Milano 80-71
*ricorsi in atto

CLASSIFICA
1. Happy Casa Brindisi 36 18/5**
2. A|X Armani Exchange Milano 36 18/6**
3. Virtus Segafredo Bologna 36 18/7**
4. Umana Reyer Venezia 30 15/9**

5. Banco di Sardegna Sassari 28 14/8
6. De’Longhi Treviso 28 14/11
7. Allianz Pallacanestro Trieste 22 11/13
8. Dolomiti Energia Trentino 20 10/14
9. Carpegna Prosciutto Pesaro 20 10/14
10. Fortitudo Lavoropiù Bologna 18 9/15
11. Openjobmetis Varese 18 9/15
12. Vanoli Basket Cremona 18 9/15
13. Germani Brescia 18 9/15
14. UNAHOTELS Reggio Emilia 18 9/16
15. Acqua S.Bernardo Cantù 14 7/17

per info:   https://oggisport.it/category/basket/ – http://www.legabasket.it/ – https://oggisport.it/tag/lba

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group s.r.l.s. | Oggi Sport.it iscritto al tribunale di Milano con il n.105 del 07 settembre 2020 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Marco Capriotti |