Seguici anche su

Ciclismo

Giro d’Italia: arrivo in Veneto

Tappa (quasi) pianeggiante

Pubblicato

il

La Cervia-Monselice di 192 km presenta un percorso prevalentemente pianeggiante interrotto solo dai due GPM di 4a categoria di Roccolo e Calaone da scalare negli ultimi 30km di corsa.

La corsa ha passato il km 0 alle ore 11:52 con il gruppo forte di 143 corridori.

Frazione caratterizzata da 150 km perfettamente pianeggianti di risalita della Pianura Padana attraverso strade a volte ampie a volte ristrette, sostanzialmente rettilinee, che portano al primo passaggio in centro a Monselice, dove inizia un quasi circuito di circa 40 km molto impegnativo caratterizzato da due muri in sequenza. Dopo Galzignano Terme la corsa affronta il Roccolo attraverso la concatenazione di tre salite diverse (il Muro di Vallorto max 20%, la salita di Castelnuovo e il Roccolo vero e proprio max 17%) su strade mediamente ristrette con fondo sostanzialmente buono. Discesa veloce su Cinto Euganeo per affrontare il Muro di Calaone da Rivadolmo (max 18%) prima dell’ultima veloce parte di tappa.

Ultimi KM
Ultimi 15 km con la veloce discesa di Calaone su Este lungo una strada larga con ampi tor- nanti. Dopo Este si raggiunge Monselice attraverso strade pianeggianti e rettilinee. Da segnalare, circa a 3km dall’arrivo, l’ingresso nell’abitato attraverso un sottopasso ferroviario e l’ultima curva a gomito verso sinistra a 400 m dall’arrivo, che immette nel rettilineo finale su asfalto largo 8 m.

Si ringrazia sempre l’organizzazione per le informazioni.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ciclismo

O’CONNOR TRIONFA A CAMPIGLIO

O’Connor vince la tappa di Campiglio mentre gli uomini di classificano aspettano lo Stelvio

Pubblicato

il

Tanto tuonò che poi non piovve. Così si può riassumere la diciassettesima tappa del Giro D’Italia. Ci si aspettava un duello rusticano tra Joao Almeida e Wilco Kelderman, con Hindley pronto a far saltare il banco grazie al gioco di squadra Sunweb. Invece gli uomini di classifica, lasciando andare la fuga di giornata, conservano le forze per il tappone dello Stelvio. Quindi aspettando l'”OK CORRAL” di domani Ben O’Connor della NTT Pro Cycling Team vince in solitaria la diciassettesima tappa del 103^ Giro d’Italia, da Bassano del Grappa a Madonna di Campiglio di 203 chilometri. Al secondo e terzo posto si sono classificati rispettivamente i compagni di fuga Hermann Pernsteiner (Bahrain – McLaren) e Thomas De Gendt (Lotto Soudal). João Almeida (Deceuninck – Quick-Step), guidato e scortato da un ottimo Masnada, è arrivato con il gruppo dei contendenti per la generale dopo 5’11” conservando così la Maglia Rosa. 

Continua a leggere

Ciclismo

Vuelta: vince Soler, Roglic in Rosso

Partita la corsa a tappe spagnola

Pubblicato

il

Lo spagnolo Marc Soler ha vinto la 2/a tappa della 75/a Vuelta di Spagna di ciclismo, da Pamplona a Lekunberri, lunga 151,6 chilometri. Il corridore della Movistar ha preceduto sul traguardo lo sloveno Primoz Roglic, secondo, e l’irlandese Daniel Martin, terzo. Proprio Roglic, campione uscente della corsa a tappe spagnola che quest’anno è stata suddivisa in 18 e non in 21 tappe, indossa la maglia rossa di leader della classifica generale, come segnala il sito Ansa.

Continua a leggere

Ciclismo

Giro: iniziano le salite

Si arriva a Madonna di Campiglio

Pubblicato

il

Di

Diciassettesima tappa del 103^ Giro d’Italia, in programma dal 3 al 25 ottobre e organizzato da RCS Sport.

Partenza da Bassano del Grappa e arrivo a Madonna di Campiglio dopo 203 chilometri. Tappa che prevede oltre 5.000 metri di dislivello con l’inedita Forcella Valbona, il Monte Bondone dal versante di Aldeno e il Passo Durone prima del traguardo. 

La corsa ha passato il km 0 alle ore 10:28 con il gruppo forte di 136 corridori.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 Oggi Sport.it iscritto al tribunale di Milano con il n.105 del 07 settembre 2020 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Marco Capriotti