fbpx
Seguici anche su

Calcio

Esclusiva OggiSport | Lo scrittore Cesidio Colantonio presenta “Il Terzo Tempo del Tikrit”

Pubblicato

il

Una vita passata sui campi di calcio a scoprire i talenti del futuro, con l’enorme passione della scrittura. Questo è Cesidio Colantonio, di 55 anni, nato ad Enfield in Inghilterra ma abruzzese doc. L’emozione che prova verso il pallone è smisurata, tanto da lavorare nel mondo del calcio come osservatore: ad oggi è uno degli scout del Pescara, ma in passato ha collaborato anche con Gennaro Ciotola del Cagliari. Non è tutto però, infatti l’altra sua grande passione è la scrittura, magari, perché no, parlando a maggior ragione di calcio. Cesidio ha pubblicato il suo terzo libro “Il Terzo Tempo del Tikrit” che completa una trilogia di altre sue opere dopo “Storie di calcio” e “Da qualche parte vicino al mare”. Il nostro Michele De Blasis ha intervistato Cesidio per parlare di sé, del suo nuovo libro e di molto altro.

Cosa è la scrittura per te?

La scrittura è una parte importante di me. Scrivere è sempre nascondere qualcosa in modo che poi venga scoperto. La scrittura è libertà. Farlo fosse solo per puro diletto arricchisce la mente, stimola. Quando scrivo è come se impugnassi un pennello e dipingessi emozioni sull’anima di chi legge. Tanti scrivono parole per creare emozioni. Io cerco di scrivere di emozioni che hanno trovato le parole.

A quale scrittore o poeta si ispira quando scrivi?

Ai tempi del liceo mi chiamavano Vittorio Alfieri forse per il mio carattere tormentato ed inquieto come il grande poeta e scrittore amante della musica. Come il grande poeta sviluppai presto l’amore per la figura del gigante infelice, l’eroe sfortunato e generoso che vive per valori assoluti sfidando l’impossibile e non arrendendosi mai e poi mai.

Cosa significa leggere per te?

Leggere per me è come entrare in una stanza, in un mondo. E’ come aprire una finestra sempre diversa da cui, pur guardando lo stesso panorama diverse e varie saranno le sensazioni, le emozioni, le evasioni suscitate in ciascun lettore o lettrice.

Il Terzo Tempo del Tikrit è il tuo terzo libro. Raccontaci brevemente di cosa parla.

Il Terzo Tempo del Tikrit Lupi Editore è un personaggio di fantasia anche se esplicitamente ispirato a me stesso. E’ una collezione di ottantasette pezzi che completa una trilogia dopo Storie di calcio e Da qualche parte vicino al mare sempre Lupi Editore. Il libro è una dichiarazione d’amore al calcio mia eterna passione, alla musica, alla vita, allo sport e agli ideali di altri tempi per modificare, per rivivere e per reinterpretare i ricordi, i pensieri, le idee con passione, fantasia e grandi stimoli.

Cosa è lo scoutismo?

Lo scoutismo deriva da scout(esploratore)scopritore di talenti. Lo scoutismo mi ha insegnato ad elevare la mia mente, a coltivare intimamente il mio spirito sportivo,più che a curarmi della ritualità esteriore per accompagnare i miei ragazzi verso un futuro migliore con tutta la mia passione, professionalità, umiltà ed orgoglio possibile. La voglia di osservare è il lievito. L’osservazione quotidiana è il forno ad alta temperatura che ha accelerato questo processo.

Cosa rappresenta il giovane per te?

Il giovane deve essere un valore aggiunto e non può essere considerato un peso. E’ sempre una scommessa da vincere, la più bella. I giovani di oggi hanno bisogno di sentirsi coinvolti, motivati. Non hanno la fantasia dei nostri tempi, non hanno gli spazi, le distrazioni. Vivono in un’era dove non c’è bisogno di pensare. Basta premere un tasto per vedere o conoscere il mondo intero. La carenza del pensare fa perdere loro delle qualità primarie per diventare dei buoni calciatori.

Perché dovrebbero leggere il tuo libro?

I libri vanno letti sempre perchè ci fanno viaggiare con la mente. Perchè alla fine questo è il bello dello scrivere. Portare il lettore o la lettrice ad immaginare, a vivere un qualcosa di reale ma nello stesso tempo anche di fantastico. I libri vanno letti perchè evidenziano soprattutto i legami che ci sono dietro i fatti, le cose, le persone, la collettività. E poi non c’è libro tanto cattivo che in qualche parte non possa giovare come diceva Plinio il Vecchio.

Cosa ci riservi per il futuro? Prossime pubblicazioni?

Per il futuro vedremo. Intanto continuo a scrivere per un nuovo giornale on line OggiSport sempre di cose di calcio. Grazie Michele De Blasis.

Continua a leggere
Pubblicità

Calcio

Coppa Italia: l’Atalanta vince, la Lazio eliminata

3 a 2 per i bergamaschi

Pubblicato

il

Coppa Italia: l’Atalanta vince, la Lazio eliminata. Vittoria per 3 a 2 per i bergamaschi che superano il turno e vanno in semifinale. Eliminata la formazione di Inzaghi. Partita accesa con varie situazioni, ma l’Atalanta, nel secondo tempo in 10, superano con qualche affanno l’ostacolo. Reina para un rigore a Zapata.

Di seguito il tabellino.

ATALANTA (3-4-2-1): Gollini; Djimsiti, Romero, Palomino; Maehle (43′ st Caldara), Pessina, Freuler, Gosens; Malinkovskyi (14′ st Zapata), Miranchuk (14′ st De Roon); Muriel (18′ st Toloi). A disposizione: Gyabuaa, Ilicic, Lammers, Rossi, Ruggeri, Scalvini, Sportiello, Sutalo. Allenatore: Gasperini

LAZIO (3-5-2): Reina; Patric (46′ Parolo), Hoedt (26′ st Immobile), Acerbi; Marusic, Milinkovic-Savic, Escalante (17′ st Correa), Akpa Akpro, Fares (46′ Lazzari); A. Pereira (36′ st Lulic), Muriqi. A disposizione: Alia, Armini, Cataldi, Czyz, G. Pereira, Radu, Vavro. Allenatore: Inzaghi

ARBITRO: Pairetto di Nichelino

MARCATORI: 7′ pt Djimsiti (A), 17′ pt Muriqi (L), 34′ pt Acerbi (L), 36′ pt Malinovskyi (A), 12′ st Miranchuk (A)

NOTE: Espulso Palomino (A) per fallo da ultimo uomo all’8′ st. Ammoniti: Romero, Malinovskyi (A); Patric, Fares, Escalante (L). Recupero: 1′ e 4′

Continua a leggere

Calcio

Coppa Italia, Juventus sul velluto contro la Spal. Sarà semifinale contro l’Inter

Pubblicato

il

La Juventus regola per 4-0 la Spal nei quarti di finale di Coppa Italia, regalandosi una interessante doppia sfida contro l’Inter in semifinale. Tutto molto semplice per i bianconeri che passeggiano sui romagnoli grazie alle reti di Morata, Frabotta, Kulusevski e Federico Chiesa.

Le due sfide contro i nerazzurri si giocheranno il 3 ed il 10 febbraio.

Continua a leggere

Calcio

Coppa Italia, Juventus-Spal: le formazioni ufficiali

Pubblicato

il

Dopo le fatiche ai supplementari contro il Genoa, la Juventus torna ad affrontare la Coppa Italia. I bianconeri all’Allianz Stadium ospitano la Spal, che negli ottavi di finale hanno eliminato il Sassuolo.

Queste le formazioni ufficiali della gara:

JUVENTUS (4-4-2): Buffon, Dragusin, Demiral, De Ligt, Frabotta; Bernardeschi, Fagioli, Rabiot, Ramsey; Kulusevski, Morata. All. Pirlo.

SPAL (3-4-2-1): Berisha, Okoli, Vicari, Ranieri; Dickmann, Esposito, Missiroli, Sernicola; Brignola, Seck; Floccari. All. Marino.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group s.r.l.s. | Oggi Sport.it iscritto al tribunale di Milano con il n.105 del 07 settembre 2020 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Marco Capriotti |