fbpx
Seguici anche su

Automobilismo

È Honda la vera sorpresa della Formula 1 2021

Il costruttore giapponese ha fatto miracoli al suo ultimo anno nel gotha del motorsport.

Pubblicato

il

Si sa che il motore, oggi denominato power unit, costituisca una parte fondamentale della vettura per arrivare al successo in Formula 1. Nel 2021 ci si aspettava un salto in avanti del propulsore Ferrari, cosa realmente avvenuta, ma a sconvolgere maggiormente i rapporti di forza è stata Honda. Il motore giapponese, adottato dall’universo Red Bull, è al suo ultimo anno in Formula 1 ma, come detto proprio dal team principal della Red Bull, Christian Horner, “in Giappone hanno fatto un lavoro davvero eccezionale, spingendosi oltre i limiti.

Si sa che avere un motore performante aiuta indirettamente anche a livello di aerodinamica: se hai più cavalli puoi permetterti di utilizzare più carico aerodinamico per andare più forte in curva; inoltre, come nel caso di Honda, il progetto riuscito di un motore prevede anche che sia realizzato con dimensioni minori, proprio come nel caso di Honda, facendo “dimagrire” anche tutto il retrotreno della vettura. Proprio di questo ha parlato il responsabile del progetto giovani piloti Red Bull, Helmut Marko, sottolineando come il posteriore più stretto della nuova Red Bull RB16B possa generare vantaggi “nelle curve veloci, che in Bahrain non erano molto presenti. I vantaggi del nuovo motore Honda non si limitano a potenza e guidabilità: ora abbiamo il posteriore più rastremato di tutto il circus”.

Ci si attende quindi vantaggi aerodinamici per Red Bull e AlphaTauri anche nei prossimi Gran Premi di Imola, Portimão e Barcellona, un aspetto che può indirizzare la lotta per il titolo in favore di Max Verstappen. Se anche il team principal di AlphaTauri, Franz Tost, ha dichiarato che “il 70% dei nostri progressi è dovuto ai miglioramenti Honda, qualche perplessità è stata suscitata dall’affidabilità. Sergio Perez in Bahrain si era fermato nel giro di ricognizione e successivamente a Verstappen è stata ridotta la potenza del motore, come rivelato proprio da Helmut Marko. In Bahrain, tuttavia, l’incidenza del propulsore nelle prestazioni è stata sicuramente superiore di quanto non sarà nei prossimi quattro GP, almeno fino a Montecarlo. Forse è questo il momento giusto per Verstappen per capitalizzare un pacchetto finalmente idoneo per dargli la concreta possibilità del suo primo titolo mondiale.

Automobilismo

Cos’è successo nel primo Gran Premio di Formula 3

Nel weekend di Barcellona è andata in scena anche la categoria propedeutica alla Formula 2.

Pubblicato

il

Il Gran Premio di Spagna non è servito solamente a Hamilton per rafforzare la propria leadership nel Mondiale di Formula 1. Il tracciato di Barcellona è stato anche il terreno del debutto della nuova stagione della Formula 3, con l’organizzazione del weekend che ha seguito lo stesso format già visto in Bahrain in Formula 2 e che caratterizzerà l’intera annata. Balza subito in testa Dennis Hauger, vincitore a sorpresa della Formula 4 italiana nel 2019, che si aggiudica la pole position e la vittoria di gara-3, quella più importante con l’ordine di partenza delineato fedelmente dalla qualifica.

Il norvegese aveva avuto anche l’opportunità di vincere gara-2 in rimonta, ma è stato sfortunato a perdere leggermente il controllo della vettura nel tentativo finale di sorpasso a Matteo Nannini, che sembrava ormai cosa fatta, distruggendo la gara di entrambi. La vittoria di gara-2 è così andata a Olli Caldwell, lanciato ora all’inseguimento del suo compagno nel team Prema distante solo 2 punti in classifica. In grande spolvero i francesi Clement Novalak e soprattutto il debuttante Victor Martins, ora rispettivamente terzo e quarto in campionato: quest’ultimo si era già contraddistinto nei test pre-stagionali sulla stessa pista, mettendo a segno i tempi più veloci in assoluto, e ha dovuto anche compensare con il suo talento una vettura – quella del team MP Motorsport – sicuramente inferiore a Prema, Trident e ART.

Proprio la ART si era aggiudicata gara-1 grazie ad Aleksandr Smolyar, ora però solamente ottavo in classifica a 17 punti da Hauger. Il team francese si è però reso protagonista della storia più bella del weekend, traghettando il rientro di Juan Manuel Correa alle corse da agosto 2019, dopo quasi due anni e il rischio di amputazione di un piede in seguito al tremendo incidente che è costato la vita ad Anthoine Hubert. Correa è riuscito a portare a casa un punticino, ottenuto in gara-2 in seguito a numerosi incidenti dei piloti nelle prime posizioni, ma si è comunque detto felicissimo di essere tornato in pista e da lui ci si aspetta un ulteriore miglioramento nella strada che dovrebbe ricondurlo sempre più dentro al motorsport.

Continua a leggere

Automobilismo

Hamilton e Mercedes troppo forti: sconfitto Verstappen anche in Spagna

Terza vittoria in quattro gare nel 2021 per il campione inglese.

Pubblicato

il

In questo 2021 c’è finora sempre stato un duello corpo a corpo tra Lewis Hamilton e Max Verstappen. A Barcellona, dopo Imola, ciò avviene nuovamente alla primissima curva della gara: ancora una volta l’olandese è riuscito a tirare una staccata mostruosa dando una spallata dura ma corretta al suo grande rivale. Da quel momento è partita una lunga corsa a inseguimento nella quale l’inglese, dopo la prima sosta che ha lasciato invariate le cose, ha deciso invece di cambiare strategia nella seconda metà di gara.

Pur avendo effettuato il primo pit stop in ritardo rispetto a Verstappen, Hamilton ha deciso di cambiare nuovamente le gomme obbligando l’olandese a non seguirlo nella scelta per non finire vittima dell’undercut del pilota della Mercedes. In quel momento Hamilton era più veloce di Verstappen ma non riusciva ad avere lo spunto per il sorpasso e ha così deciso, vincendo la scommessa, di montare una gomma più fresca, allontanarsi per via del pit stop in più ma arrivare poi negli scarichi di Verstappen negli ultimi giri con un passo gara ancora più spedito di quello dell’olandese. E il sorpasso decisivo per la vittoria è arrivato, anche piuttosto agevolmente.

Magra consolazione per Verstappen, nel finale, il giro più veloce ottenuto grazie al pit stop per montare la gomma soft, un punto che gli permette ora di inseguire Hamilton a -14 in classifica mondiale. Solita gara anonima di Bottas, scavalcato da Leclerc alla prima curva e da lì in poi incapace di impensierire il tandem di testa. Il monegasco della Ferrari porta invece a casa un preziosissimo quarto posto davanti a Perez, che a sua volta precede Ricciardo sesto e Sainz settimo: un ottimo risultato per la Ferrari nella lotta al terzo posto in classifica costruttori, in vista del difficile weekend di Montecarlo.

Continua a leggere

Automobilismo

Hamilton fa 100 pole a Barcellona. Sconfitto ancora Verstappen

Ennesimo record della leggendaria carriera dell’inglese.

Pubblicato

il

Non smette di aggiungere sigilli alla propria carriera Lewis Hamilton. In attesa della vittoria numero 100 in Formula 1, arriva la tripla cifra di pole position. Per soli 36 millesimi l’inglese batte Max Verstappen, nettamente salito nel Q2 e rimasto vittima del fatto che, in Q3, la pista sia peggiorata nel secondo tentativo rispetto al primo. Ancora una volta i due contendenti per il titolo sconfiggono piuttosto nettamente i rispettivi compagni di squadra: Bottas partirà terzo mentre Perez sarà solamente ottavo in griglia, avendo subito un distacco di quasi un secondo dal suo compagno di squadra in Red Bull.

Per la quarta volta, in quattro Gran Premi, la pole position degli “altri” è della Ferrari. Il quarto posto è conquistato da Leclerc davanti a un altro pilota in grande forma, Esteban Ocon. Ancora una volta il francese sconfigge il compagno Alonso, solo decimo e staccato di più di mezzo secondo da Ocon, mentre Ricciardo dimostra di essere in crescita ed è più veloce di Norris, che partirà solamente nono, dando così alla Ferrari una ghiotta opportunità di rimontare in classifica costruttori. Per la gara di domani i primi partiranno tutti con la gomma soft in una pista dove i sorpassi sono piuttosto complicati. Fondamentale sarà quindi la strategia, con la concreta possibilità di effettuare un solo pit stop visto il degrado contenuto delle gomme che si è potuto osservare già dal venerdì, quando la pista era sicuramente meno gommata di quanto sarà domani.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group s.r.l.s. | Oggi Sport.it iscritto al tribunale di Milano con il n.105 del 07 settembre 2020 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Marco Capriotti |