fbpx
Seguici anche su

Basket

Basket: Dinamo Sassari domina Varese

Pubblicato

il

Varese in vantaggio solo 2-3 secondi all’inizio, poi solo Dinamo

Dinamo Sassari 104
Openjobmetis Varese 82

SASSARI - PalaSerradimigni

Pazza Dinamo è l’aggettivo che ci viene in mente più spontaneamente. Una stagione sulle montagne russe, per i sardi, che dopo la beffa contro il Venezia si trovano ad esorcizzare in casa il Varese, stupendo il pubblico virtuale con le magie di Tillman ed un enplain di giocatori in campo, dato il buon momento.

Piccoli brividi iniziali

La Dinamo, sfruttando il fattore casa, parte a 1000, schiacciando gli avversari nei primi 3 minuti: la prima marcatura è appannaggio di Burnell, che tira una bomba da fuori area su scarico di Bilan, seguita da due tiri liberi azzeccati da Bendzius. Strautins e Douglas contribuiscono, poi, ad accorciare le distanze e rimettersi in carreggiata dopo la scossa iniziale.

E qui inizia il duello: Burnell segna dalla media distanza, Strautins pareggia, Spissu riporta avanti, Scola e Anderson compiono il controsorpasso. E’ il primo di una lunga serie, e Bendzius firma quello sassarese, sul 13-11, con una schiacciata degna di Michael Jordan. La gioia dura pochissimo, e viene fermata da Scola che, dopo un uno-due a centrocampo, segna una tripla infermabile.

Ma se s’illude di dominare sulla Dinamo si sbaglia, perchè accade esattamente il contrario. I sardi giovano dalle prestazioni di Burnell e Spissu: il primo mette a segno una tripla dietro l’altra, mentre il secondo alterna triple e giocate di alto livello. Gli ospiti sono a dieta forzata di punti, fino al 9′, quando Jacovics riceve sotto canestro e interrompe la serie negativa, per poco, in quanto Pusica chiude i giochi del primo quarto sul 36-18.

Secondo quarto tra botta e risposta

Il vantaggio resta tale anche nel secondo quarto, ma è botta e risposta. Bendzius apre, Strautins risponde: i due migliori da fuori area, finora, per le due squadre, insieme a un Tillman che si procura anche fallo e completa il suo gioco da tre punti.

E’ un vero e proprio lavoro di squadra, quello della Dinamo Sassari, cui si aggiunge anche la pietra miliare, nonché capitano, Jack Devecchi, assieme a Bilan che si dimostra una perfetta macchina sotto canestro, mentre gli ospiti aspettano i “capolavori” di Strautins, oltre a qualche miracoletto di Scola.

Finale replay

Il finale non modifica l’andamento del match, che mette tra la Dinamo e il Varese ben 30 punti di distanza. Se nei primi minuti della ripresa il tam tam sotto canestro è blando e privo di emozioni, Bendzius al 4′ riapre lo show Dinamo, con una delle sue solite triple, mentre Burnell spende un fallo antisportivo che causa un 3/3 dalla lunetta per Strautins, unico “goleador” insieme a Scola.

Il quarto finale non vede particolari variazioni, con gli ingressi in porto di Morse, abile schiacciatore, e del realizzatore De Nicolao, nonostante ciò la Dinamo continua a curare la distanza, e trova quota 100 punti (punteggio da NBA) con un’agile schiacciata di Tillman che mette fine alla partita più pazza della Dinamo e all’inizio delle prosperità dinamiste per il prossimo match, in programma sabato sera a Trento.

Basket

Terza sconfitta di fila per Cremona

Vittoria di Venezia 88 a 84

Pubblicato

il

UMANA REYER VENEZIA-VANOLI CREMONA 88-84. Parziali 16-16, 36-44, 62-67

UMANA REYER VENEZIA: Tonut  16,  De Nicolao 6,  Stone 3,  Watt 27,   Bramos  17,   Casarin 1, Mazzola,   Campogrande,    Vidmar  3,   Clark 9, Chappel 3, Cerella  3. All. De Raffaele

VANOLI CREMONA:    Poeta  14, Lee  7, Palmi 7,  Mian  7, J Williams 17,  TJ Williams 5,  Hommes 16,     Cournooh 11,  Donda e Trunic  ne. All. Galbiati

Terza sconfitta consecutiva per la Vanoli Cremona che, al cospetto dell’Umana Reyer tiene botta  sino all’ultimo minuto di gioco  per poi cedere 88-84.     I biancoblu, al Taliercio, hanno cercato di contrastare i campioni d’Italia in carica che hanno conquistato la quarta vittoria consecutiva.  Il peso dell’avversario è stato uno stimolo per Poeta e compagni che meritano un applauso per aver sfiorato per la seconda volta consecutiva di compiere l’impresa con un’altra big del campionato.


Primo Quarto: Watt subito protagonista del match (alla fine sarà l’Mvp)  12-8 al 5′ ma la Vanoli regge bene. Venezia sbaglia tiri  da tre punti e Cremona ha troppa fretta di ripartire in transizione e perde palloni. Comunqu,  per gli ospiti,  parziale di 8-0 e 16-18 al 10′
Secondo Quarto: I biancoblu sono pericolosi sotto canestro in attacco 17-25 al 13′. Sono tanto intensi ed hanno carattere 23-28 al 15′. Hommes infila una “doppietta “da tre  punti ed insieme a lui colpisce con precisione dal grande arco Palmi 24-34. Poeta con le sue magiche giocate tiene  in apprensione la retroguardia lagunare. 36-44 al 20′. Per la Reyer 4 su 15 da tre punti contro i 5 su 8 dei lombardi.
Terzo Quarto. Doppio canestro da tre punti di Tonut che rimette in scia gli oro amaranto. Commette una serie di falli Cremona (4 per Tj Williams e Cournooh) 54-56 al 26′. I veneti con altri canestri da tre punti si portano in testa ma gli avversari, guidati dall’esperienza in regia di  Poeta non si disuniscono e  62-67 al 30′
Quarto quarto: ottima partenza per la Vanoli  che tiene basso il ritmo. Tanta circolazione palla della Reyer . Hommes è ben controllato dai difensori locali ma nonostante ciò 69-74 al 35′. 5 punti consecutivi di TJ Williams che  commette il quinto fallo. Bramos è inarrestabile da tre punti . Segna anche dalla lunghissima distanza Stone 85-83 a 50″ dalla chiusura. Gli ospiti  sbagliano  le due “triple”  decisive con Mian e Poeta. Hommes sotto canestro  è ben chiuso e Tonut infila i due tiri liberi del sigillo.
La differenza tra le due contendenti, oltre che la maggiore consistenza del team di coach De Raffaele, l’hanno fatta i tiri da tre punti: 13 su 33 per l’Umana e 6 su 18 per Cremona. Probabilmente al roster di coach Paolo Galbiati ci vorrebbe l’inserimento di un nuovo giocatore ma si sa, il bilancio societario è quello che è!Domenica i biancoblu ospitano al  PalaRadi la fortissima Virtus Segafredo Bologna  che vuole riscattare il passo falso casalingo contro Brescia.

Continua a leggere

Basket

LBA: Il punto sulla 17^ giornata di campionato

Pubblicato

il

Giornata decisamente interessante la 17ma di LBA. Colpaccio di Brescia sul parquet della Segafredo Arena mentre Venezia e Sassari consolidano le posizioni di vertice… ma andiamo con ordine.

Pallacanestro Reggiana-Aquila Trento 83-74
Due punti preziosi per Reggio Emilia che dopo il pesante KO contro Milano è tornata alla vittoria piegando Trento. Grazie ad un ottimo Frank Elegar (25 di val.) i ragazzi di coach Martino fiaccano la resistenza degli ospiti, chiudendo il discorso nel corso del terzo quarto con un parziale di 28-18. Tra i padroni di casa da segnalare anche la prestazione di Filippo Baldi Rossi (16+5). Per Trento non sono bastate le solide prove di Luke Maye e JaCorey Williams.

Virtus Bologna-Pallacanestro Brescia 89-90
Pesante sconfitta casalinga per la Virtus Bologna, la sesta del campionato, che cade contro una ritrovata Brescia. I 23 punti di Giordano Bortolani, massimo in carriera, sono stati decisivi in ottica vittoria ma la palma di MVP va a David Moss che a 3 secondi dalla fine ha segnato il canestro del +1. Dopo un brutto primo tempo, Milos Teodosic (17 pt) e Marco Belinelli si sono caricati la Virtus sulle spalle riportandola in vantaggio, ma una palla persa proprio di Teodosic, è costata la vittoria alle Vu Nere. Oltre al già citato Bortolani da segnalare il 21+6 di Dušan Ristić

Basket Treviso – Olimpia Milano 77-82
Grazie ad un sontuoso Zach LeDay (9/9 al tiro), l’Olimpia Milano ha conquistato sul parquet di Treviso la 15ma vittoria stagionale. Partita sempre in bilico con le scarpette rosse che, dopo essere andate sul 77-80 non riuscivano a dare il colpo del KO. Treviso aveva diverse occasioni per riaprire la partita, mancandole tutte, prima dei liberi finali del “Chacho” Rodriguez.

VL Pesaro-Pallacanestro Cantù 107-83
Dominio di Pesaro contro Cantù, praticamente mai scesa in campo. Dal secondo quarto in poi i pesaresi, con Drell (17 punti) e Cain (19 punti) sugli scudi, mettevano la quinta marcia arrivando ad un rotondo +30 in chiusura di terzo periodo (82-52). Per Cantù, partita da dimenticare, ma soprattutto in archivio la dodicesima sconfitta stagionale.

Reyer Venezia-Vanoli Cremona 88-84
Quarta vittoria consecutiva per la Reyer Venezia che raggiunge in classifica Virtus Bologna e Brindisi a quota 20 punti. Grazie a 25 assist e alla miglior prova in carriera di Mitchell Watt (27 punti e 31 di valutazione) i lagunari, non senza soffrire hanno avuto la meglio su una combattiva Cremona che, con Poeta a 14″ dalla fine, ha avuto anche in mano la tripla della potenziale vittoria.

Pallacanestro Trieste – Dinamo Sassari 82-103
Ampia vittoria della Dinamo Sassari che, grazie ad un Marco Spissu da stropicciarsi gli occhi (28 punti career-high-6-4), ne rifila 21 su campo di Trieste.
Con questa vittoria i ragazzi di coach Pozzecco tornano saldamente in seconda posizione solitaria mentre Trieste rimane ancorata alla settima posizione. Tra i padroni di casa da segnalare l’ottima serata di Tommaso Laquintana (11 punti) e Davide Alviti (17 punti).

Risultati.
Openjobmetis Varese – Fortitudo Lavoropiù Bologna rinviata
UNAHOTELS Reggio Emilia 83 – Dolomiti Energia Trentino 74
Virtus Segafredo Bologna 89 – Germani Brescia 90
De’ Longhi Treviso Basket 77 – A|X Armani Exchange Milano 82
Carpegna Prosciutto Pesaro 107 – Acqua S.Bernardo Cantù 83
Umana Reyer Venezia 88 – Vanoli Basket Cremona 84
Allianz Pallacanestro Trieste 82 – Banco di Sardegna Sassari 103

Classifica
1. A|X Armani Exchange Milano 30 15/1
2.Banco di Sardegna Sassari 22 11/5
3.Happy Casa Brindisi 20 10/4
4.Virtus Segafredo Bologna 20 10/6
5.Umana Reyer Venezia 20 10/6
6.Carpegna Prosciutto Pesaro 16 8/8
7.Allianz Pallacanestro Trieste 14 7/8
8.UNAHOTELS Reggio Emilia 14 7/9
9.De’Longhi Treviso 14 7/9
10.Germani Brescia 12 6/9
11.Dolomiti Energia Trentino 12 6/10
12.Vanoli Basket Cremona 12 6/10
13.Fortitudo Lavoropiù Bologna 10 5/9
14.Acqua S.Bernardo Cantù 8 4/12
15.Openjobmetis Varese 6 3/9

per info:   https://oggisport.it/category/basket/ – http://www.legabasket.it/ – https://oggisport.it/tag/lba

Continua a leggere

Altri sport

Virtus Arechi, ko in casa della Luiss Roma

Non inizia nel migliore dei modi il girone di ritorno

Pubblicato

il

Non inizia nel migliore dei modi il girone di ritorno per la Virtus Arechi Salerno, dopo aver comandato per trenta minuti in casa della Luiss Roma i blaugrana alzano bandiera bianca proprio nei momenti decisivi (86-69 il finale).

Con Maggio costretto nuovamente a dare forfait, la squadra di coach Parrillo si approccia alla partita nel modo corretto. L’iniziale +3, gestito con relativa tranquillità per qualche minuto, in chiusura di primo quarto diventa +10 con i liberi di Rossi e i 5 punti di Mennella e in avvio di secondo periodo + 11 dopo la tripla di Cardillo.

A seguire Beatrice dall’arco dei tre punti e Valentini nel pitturato trascinano la Virtus anche sul 33-45, ma prima dell’intervallo lungo arriva la reazione della Luiss che con i canestri di Murri (2pt) e Martino (4pt) chiude il primo tempo sul 42-46.

A inizio ripresa, invece, l’ex di turno Sanna riduce ulteriormente il gap, ma proprio nel momento più complicato la Virtus risponde presente con la “bomba” di Rezzano e 4 punti di un reattivo Gallo che obbligano i padroni di casa al time-out al 24’ con il tabellone che recita 48-58.

Ma anche in questa circostanza la Luiss non alza bandiera bianca e ricuce lo strappo, il 63-64 prima degli ultimi dieci minuti di gioco preoccupa sì ma non lascia immaginare a un cambio di rotta.

Ed invece proprio in chiusura tocca alla Virtus sventolare la citata bandiera bianca, i soli 5 punti segnati e i 23 subiti bastano per capire cosa accade nell’ultimo periodo di gioco che obbliga quindi Salerno alla quarta sconfitta stagionale.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group s.r.l.s. | Oggi Sport.it iscritto al tribunale di Milano con il n.105 del 07 settembre 2020 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Marco Capriotti |