Seguici anche su

Ciclismo

Demare, un fulmine a Torino

Il velocista della FDJ vince la 101esima edizione della Milano Torino confermando i pronostici della partenza.

Pubblicato

il

Arnaud Demare della Groupama FDJ succede a Michael Woods nell’albo d’oro  della Milano – Torino. Ci si aspettava una volata di gruppo, e volata è stata. La corsa ci ha dato grande indicazioni per la Sanremo di sabato prossimo. Nibali ha dimostrato di essere in palla. Chi ha dato grande impressione di forma è il pluricampione del mondo Peter Sagan pronto finalmente a sconfiggere uno degli ultimi suoi tabù.

La gara: pronti, via ed ecco subito un attacco con sei uomini: Manuele Boaro (Astana), Alessandro Tonelli (Bardini CSF Faizanè), Samuele Rivi (Italia), Andrea Garosio (Vini Zabù-KTM), Davide Villella (Movistar) e Gijs Van Hoecke (CCC). Dopo 40 km, i 6 attaccanti raggiungevano il vantaggio massimo, 7’04” sul gruppo. I velocisti a quel punto decidevano di far reagire i propri gregari. La Lotto Soudal del super favorito di giornata, Caleb Ewan, insieme alla Trek-Segafredo di Vincenzo Nibali accorciavano il gap con il gruppetto degli attaccanti. Il sogno dei fuggitivi iniziava a svanire all’altezza di Asti. A 30 km dall’arrivo Garosio si rialzava dal gruppetto di testa. A 20 km Rivi e Boaro salutavano la compagnia e provavano a far saltare il banco.

Gli ultimi chilometri: Boaro è stato l’ultimo a farsi raggiungere dal gruppo, a 5 km dall’arrivo. Gruppo ormai spezzettato dopo una brutta caduta in uno spartitraffico a 7 km dal traguardo. Nell’ultimo km la FDJ prendeva le redini del gruppo mettendo tutti in riga per preparare la volata a Demare. Il francese trionfava davanti a Ewan, terzo il vincitore della Strade Bianche Van Aert.

Il vincitore Arnaud Démare, dopo la linea del traguardo, ha dichiarato: “Dopo aver corso bene già a Burgos, sapevamo di poter fare ancora meglio oggi. Come squadra siamo stati impeccabili, abbiamo corso alla perfezione. Questa vittoria ci da tanta carica, sopratutto in prospettiva Milano-Sanremo“.

Ordine di arrivo:

1 DÉMARE Arnaud Groupama – FDJ 200 125 4:18:57
2 EWAN Caleb Lotto Soudal 150 85 ,,
3 VAN AERT Wout Team Jumbo-Visma 125 60 ,,
4 SAGAN Peter BORA – hansgrohe 100 50 ,,
5 VAN POPPEL Danny Circus – Wanty Gobert 85 45 ,,
6 BOUHANNI Nacer Team Arkéa Samsic 70 40 ,,
7 GAVIRIA Fernando UAE-Team Emirates 60 35 ,,
8 BELLETTI Manuel Androni Giocattoli – Sidermec 50 30 ,,

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ciclismo

Ciclismo donne: le selezionate per Imola

11 le convocate per prova in linea e crono

Pubblicato

il

Il selezionatore delle Nazionali femminili di ciclismo, Edoardo Salvoldi, ha comunicato i nomi delle convocate per i Mondiali di Ciclismo a Imola la prossima settimana.

Le convocate – Prova in linea: Elisa Balsamo, Elisa Longo Borghini, Marta Cavalli, Elena Cecchini, Tatiana Guderzo, Erica Magnaldi, Soraya Paladin, Katia Ragusa, Debora Silvestri.

 Per la Crono: Vittoria Bussi e Vittoria Guazzini.

Continua a leggere

Ciclismo

Tour: Bennett chiude in verde e tris per Pogacar

Vittoria dell’irlandese a Parigi

Pubblicato

il

Tour: Bennett chiude in verde e tris per Pogacar. Classica volatona finale a Parigi vinta dalla maglia Verde Sam Bennett davanti a Pedersen, Sagan, Kristoff e Viviani.

L’irlandese prende la maglia verde della classifica a punti, che era per anni il “simbolo” di Sagan. Lo slovacco cercherà di rifarsi al Giro.

Di seguito le quattro maglie del Tour 2020. Tre sono di una sola persona, che viene dalla Slovenia e si chiama Tadej POGACAR.

maglia gialla – classifica finale – Tadej POGACAR (UAE Emirates)

maglia verde – classifica a punti – Sam BENNETT (Deceuninck Quick Step)

maglia a pois – classifica degli scalatori – Tadej POGACAR (UAE Emirates)

maglia bianca – classifica miglior giovane – Tadej POGACAR (UAE Emirates)

Continua a leggere

Ciclismo

Pogacar ribalta il Tour.

Il re del Tour è Tadej Pogacar con una cronometro spaziale.

Pubblicato

il

Tadej Pogacar firma una delle imprese più belle del ciclismo contemporaneo e con una cronometro fenomenale si va a prendere l’edizione 107 della Grande Boucle. Il giovane sloveno del Team UAE Emirates, 22 anni lunedì, si fa uno dei regali più belli per il suo compleanno vincendo la cronometro individuale con arrivo a Planche des Belles Filles.

L’impresa: In patria è considerato il predestinato delle 2 ruote ed oggi in un duello cronometro appassionante ha travolto il suo connazionale ed ex maglia gialla Primoz Roglic infliggendogli 1’57” di ritardo. Sul traguardo un abbraccio commovente tra i 2 due entrambi lacrimanti: Pogacar incredulo per la felicità e l’impresa compiuta, Roglic affranto per la sconfitta inaspettata. Al secondo posto della cronometro sono arrivati l’olandese Tom Doumolin e il tasmaniano Richie Porte con un distacco di 1’21”. Porte domani salirà sul gradino più basso del podio del tour. Ecco le prime parole di un emozionatissim Pogacar ai microfoni di Eurosport : “Un sogno, non posso credere a quello che ho fatto”.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 Oggi Sport.it iscritto al tribunale di Milano con il n.105 del 07 settembre 2020 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Marco Capriotti