fbpx
Seguici anche su

Calcio

Cittadella-Ascoli: le dichiarazioni dei protagonisti

Pubblicato

il

Questo il commento di Mister Sottil a fine gara:

“C’è rabbia perché i ragazzi hanno giocato a viso aperto contro un Cittadella di grande qualità, ormai da anni. Ma devo prendere in modo lucido le cose positive e la prestazione c’è stata.

La squadra ha dato tutto, ha giocato anche con qualità, ha creato occasioni, abbiamo subìto qualche situazione, ma è normale, al Tombolato sono caduti anche squadroni. Dispiace aver perso per un calcio piazzato. Oggi ho voluto continuare il nostro progetto tecnico, con la nostra identità e la squadra ha risposto bene, è nelle corde dei ragazzi, questa squadra deve giocarsela a viso aperto. Eramo e Tupta? Eramo dopo un po’ è calato, me lo aspettavo, ha giocato più di un’ora a livelli importanti; lo stesso Tupta si è impegnato moltissimo, in qualche occasione poteva fare scelte diverse. In generale la squadra ha difeso bene, ha creato, ha sofferto quando c’era da soffrire, peccato davvero per un episodio che ci condanna.

L’Ascoli avrebbe meritato il pareggio perché in fin dei conti le occasioni le ha create: Bajic all’inizio, il tiro di Gerbo, nel secondo tempo ancora Bajic, Tupta, il tiro di Chiricò su punizione, occasione importante e ben calciata.

Oggi si potevano fare meglio le ultime scelte, si poteva essere più lucidi, sereni e precisi nel calciare a rete, le qualità davanti ci sono. La sostituzione di Bajic? L’ho visto poco lucido e più stanco di Tupta, volevo dare più vivacità davanti, continuare ad attaccare la profondità; è quello che volevo fare con Cangiano, chiaro che poi quando vai sotto…

Non posso rimproverare nulla, i ragazzi hanno spinto fino alla fine, lo spirito è questo, dobbiamo prepararci alla sfida col Chievo con questa mentalità, ma lo sappiamo e ci stiamo lavorando.

La sosta? Non deve essere un alibi, forse ha spezzato un po’ il ritmo, mentre il Cittadella ha giocato anche la settimana scorsa.

La strada è lunga, ci sono ancora tanti punti a disposizione, lo sapevamo che il percorso è duro e difficile, oggi è un gran bel segnale perché, ripeto, non meritavamo di uscire sconfitti”.


Eramo: “Non abbiamo demeritato, il pari risultato più giusto”.

“Siamo arrabbiati per il risultato, credo che avremmo meritato il pareggio, non basta fare belle prestazioni, servono punti. Abbiamo affrontato una squadra forte e di livello, ma non abbiamo demeritato, sono gli episodi a decidere queste partite, ma questa volta non hanno girato a nostro vantaggio”.

Il centrocampista bianconero ha parlato anche della sua posizione in campo, a supporto di Tupta e Bajic:

“Non è una posizione nuova per me, avevo ricoperto questo ruolo anche con Dionigi lo scorso anno, l’ho interpretata in base alle mie caratteristiche, mi sono trovato bene. Peccato per il risultato”.

Sull’occasione avuta con Bajic a inizio match:

“L’avevamo studiata in allenamento, il Mister aveva provato la situazione in cui la punta mi veniva incontro e io mi inserivo, peccato perché avremmo potuto sbloccare il risultato e magari sarebbe potuta finire diversamente”.


Buchel: “Avremmo meritato il pareggio, ora sotto con il Chievo”.

“C’è rabbia nello spogliatoio perché avremmo meritato il pareggio, che, fra l’altro, ci avrebbe consentito di allungare la striscia di risultati positivi. Sono stati più bravi gli avversari a sfruttare le occasioni. Abbiamo provato a creare gioco per tutto l’arco della gara, la fortuna non ci ha assistito, purtroppo è andata così, credo che le occasioni create da noi e da loro si equivalgano.

Bisogna lavorare, possiamo migliorare molti aspetti, lo sappiamo, dobbiamo lasciarci alle spalle questa partita e iniziare a preparare la prossima”.



Per info su Oggi Sport: https://oggisport.it/ e la pagina Facebook https://www.facebook.com/oggisport/?notif_id=1597904047411099&notif_t=page_fan

Calcio

La Roma fa tris e si regala gli ottavi

Prestazione convincente dei giallorossi che strapazzano il Braga nel doppio confronto.

Pubblicato

il

La Roma batte lo Sporting Braga 3 a 1 nel ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League qualificandosi agli ottavi di finale. Fonseca alla vigilia era preoccupato per questa gara che poteva risultare insidiosa sia per l’ottimo valore della squadra portoghese e sia dalle assenze in difesa della squadra giallorossa. I giocatori in campo hanno interpretato bene la gara dimostrando la loro superiorità già manifestata 7 giorni fa a Braga. Nel primo tempo dopo una fase di assestamento la Roma passava con Dzeko abile a ribadire in rete una giocata di El Sharawy che si era stampata sul palo. Il Braga provava a rimettersi in carreggiata con un buon possesso palla ma troppo sterile. Sul finire del tempo era la Roma con una traversa di Pedro, dopo assist del faraone, ad andare più vicino al goal del raddoppio.

La ripresa: Nel Secondo tempo Fonseca ruotava i suoi titolari pensando alla partita di domenica sera col Milan. Pellegrini, subentrato a Villar prima sbagliava un calcio di rigore procurato da Carles Perez ma subito dopo confezionava un assist al bacio sempre per il giovane spagnolo che realizzava il raddoppio. Qualificazione al sicuro e partita che si concludeva con l’autorete di Cristante ed il goal del definitivo 3 a 1 di Borja Mayoral. Da segnalare la prestazione di Diawara e del subentrante Carles Perez che entrava con le giuste motivazioni facendo la differenza nell’ultima mezz’ora. Unica nota negativa l’infortunio di Dzeko sostituito per un problema inguinale, che lo mette a rischio per la partita di domenica.

Continua a leggere

Calcio

Due pareggi, ma il Milan va agli ottavi

Pubblicato

il

La partita di andata è terminata 2-2 a Belgrado, sette giorni dopo si gioca la gara di ritorno al Meazza, i rossoneri hanno segnato due reti in trasferta e partono con il favore del pronostico. Dopo 9’minuti di gioco, i padroni di casa ricevono un calcio di rigore a favore, trasformato da Frank Kessie. Il Milan però, si porta dietro gli strascichi del derby e concede  il pari agli uomini di Stankovic, dopo 24′ minuti segna Ben ed é 1-1. Le due squadre vanno a riposo con questo parziale che qualificherebbe il diavolo. Nella ripresa entra anche Ibra per il Milan, ma non ci saranno ulteriori reti. Al minuto 70′, Gobeljic si fa espellere e la Stella Rossa resta in dieci, ma la sua squadra continua a spingere senza trovare goal. Il Milan con il doppio pari, stacca il pass per gli ottavi di Europa League.

Continua a leggere

Calcio

Europa League, vittoria amata del Napoli contro il Granada: gli azzurri vengono eliminati dalla competizione

Pubblicato

il

Zienilski fa, la difesa disfa. Il polacco illude il Napoli per una ipotetica rimonta ai danni del Granada segnando al 3′, ma a metà primo tempo la retroguardia azzurra fa un pasticciaccio incredibile che permette a Montoro di realizzare la rete della tranquillità spagnola. I ragazzi di Rino Gattuso escono così ai sedicesimi di Europa League, condizionati dai troppi infortuni avuti tra andata (finita 2-0 per il Granada) e ritorno. Nella ripresa Fabian Ruiz mette a tabellino il 2-1 definitivo, che però non dà mai un’ulteriore carica emotiva ai suoi compagni per tentare di segnare altre due reti che avrebbero garantito la qualificazione.

L’eliminazione del Napoli è un grave danno per il calcio italiano, perché i partenopei potevano competere per arrivare fino in fondo in Europa League.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group s.r.l.s. | Oggi Sport.it iscritto al tribunale di Milano con il n.105 del 07 settembre 2020 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Marco Capriotti |