fbpx
Seguici anche su

Calcio

Ascoli-Brescia: le dichiarazioni degli allenatori e i convocati

Pubblicato

il

ASCOLI PICENO – Ascoli-Brescia pregara Mister Sottil: “Posta in palio alta, ce la metteremo tutta per vincere”.

Mister Sottil, alla vigilia della sfida col Brescia, ha analizzato il momento dell’Ascoli, che, dopo l’ottima prestazione col Chievo, è chiamato a conquistare l’intera posta in palio:

“Dobbiamo dare continuità alla prestazione, questa è la cosa più importante, i risultati passano sempre attraverso le prestazioni. La squadra sabato ha giocato un’ottima gara, è mancato il gol, in settimana abbiamo lavorato sugli aspetti da perfezionare, i ragazzi sono molto determinati a ripetere e migliorare la performance individuale e di squadra per andare a prendere punti pesanti per il prosieguo del nostro percorso”.

L’Ascoli, che ritroverà da avversario il tecnico Dionigi, affronterà un Brescia reduce da tre sconfitte consecutive e per questo voglioso di tornare a far punti:

“Il Brescia è l’ennesima corazzata, una squadra blasonata, che ha l’obiettivo di vincere il campionato, nelle ultime partite non ha fatto punti, ma questo non ci deve riguardare, dobbiamo pensare a noi e a quello che dovremo fare per mettere l’avversario in difficoltà dall’inizio alla fine. Dobbiamo migliorare gli aspetti che in settimana abbiamo rivisto, analizzato e allenato. Mi aspetto una gara molto intensa, battagliera e agonistica, la posta in palio è alta, ma dovremo essere lucidi, pragmatici e anche spensierati per scendere  in campo con l’unico obiettivo di vincere la partita”.

Un Ascoli che in settimana si è ulteriormente rinforzato con gli innesti di Dionisi e Danzi:

“Dionisi non ha bisogno di presentazioni, è un calciatore importante per la categoria, un bomber, ha sempre segnato tanti gol, è un leader, di grandi qualità tecniche, oltre che di spessore e personalità. Danzi è un ottimo profilo, lo abbiamo voluto io e il Direttore, è pronto fisicamente, è reduce da un percorso con Jurić, che conosco bene, è un mio amico e so come lavora. Danzi può ricoprire più ruoli in mezzo al campo, è molto duttile, può fare il play, la mezzala, il mediano, mi ha fatto un’ottima impressione, ma ne eravamo certi. Dionisi è un giocatore che abbiamo voluto fortemente per migliorare il reparto d’attacco, che è molto competitivo, è stato sempre il primo nome della lista, insieme a Bidaoui. Quest’ultimo l’anno scorso ha vinto il campionato, è un giocatore molto duttile; Dionisi è invece il leader che cercavamo là davanti, si è presentato discretamente bene a livello di condizione, non ha fatto molti esercizi con la palla, essendo in uscita da Frosinone, ma lo abbiamo gesto bene, deciderò domani se impiegarlo subito. La cosa importante che dico sempre ai ragazzi è che, soprattutto con i cinque cambi, tutti devono essere coinvolti e devono sentirsi importanti, perché importanti lo sono, indipendentemente dalle scelte che farò”.

Il tecnico bianconero potrà contare anche sul rientro di Sabiri:

“Sabiri è di nuovo a disposizione, è un giocatore che alza la qualità dell’ultimo passaggio, del tiro in porta, della finalizzazione, anche Dionisi stesso e Bidaoui alzano il livello, sono bravi nell’ultimo passaggio, nell’uno contro uno e anche nel battere a rete. In settimana abbiamo lavorato molto sulle fasi di attacco, sulle conclusioni, quindi sono convinto che anche con l’arrivo di Dionisi e il rientro di Sabiri la qualità aumenta”.

Fra pochi giorni il calciomercato chiuderà e Sottil potrà lavorare senza distrazioni di sorta:

“Non vedo l’ora, per me è un periodo antipatico, devi allenare o far giocare – come è capitato con Gerbo – calciatori che il giorno dopo se ne vanno. Comunque devo ringraziare tutti quelli che sono stati qui, hanno sempre dimostrato grande professionalità. Finalmente la settimana prossima si delineerà il gruppo definitivo da guidare fino al 7 maggio e questo ci permetterà di compattarci ancora di più, di conoscerci meglio e anche i giocatori stessi si rasserenano perché sanno di restare all’Ascoli fino a fine stagione. Non ci sono mai interessati e non ci interessano calciatori distratti o che non vogliono restare all’Ascoli, al di là di come si chiamino. I giocatori arrivati li abbiamo scelti, oltre che per le qualità tecniche, anche in base allo spessore umano e alla voglia di venire qui per centrare l’obiettivo. Stesso discorso per quelli che restano, hanno dimostrato e dimostrano quotidianamente di avere la voglia e la determinazione per centrare l’obiettivo. Degli altri qualcuno è andato via, qualcun altro può darsi che andrà via”.


QUI BRESCIA

Davide Dionigi ha parlato alla vigilia della sfida contro l’Ascoli prevista per sabato 30 gennaio alle ore 14 allo stadio Del Luca.

Ecco le parole del tecnico delle Rondinelle in conferenza stampa.

DIONIGI – “Credo sia prematuro parlare in questo momento di sfida salvezza, manca ancora tutto il girone di ritorno. Sicuramente è una sfida importantissima perché ci permetterebbe di iniziarlo nella maniera giusta. Ultimamente, è vero, abbiamo perso troppe partite e i risultati contano più di qualche mese fa. Preoccupato? Vorrei tornare a fare gol il prima possibile perché abbiamo raccolto molto meno di quanto meritavamo. Il gioco sugli esterni per noi è fondamentale. L’Ascoli non è quello di inizio stagione ed è senza dubbio una squadra insidiosa: lo dicono i numeri, col cambio di allenatore ha avuto una scossa. Per me è una sfida speciale nel senso che devo sempre ringraziare la città per quello che mi ha dato e per tutto quello che ho vissuto con loro. Quando, però, si entra in campo bisogna concentrarsi su quello e ottenere i tre punti. Donnarumma? Sta lavorando sodo e per noi è un giocatore molto importante”.

Ecco i convocati di Mister Dionigi per la sfida contro l’Ascoli.

1 Joronen, 2 Karacic, 3 Mateju, 4 Chancellor, 5 van de Looi, 8 Zmrhal, 9 Donnarumma, 14 Mangraviti, 16 Ghezzi, 20 Ayé, 21 Labojko, 23 Ragusa, 24 Jagiello, 25 Bisoli, 26 Martella, 27 Dessena, 28 Verzeni, 30 Fridjonsson, 32 Papetti, 33 Andrenacci.


ARTICOLI CORRELATI

Per Ascoli-Brescia 23 giocatori per Sottil


Per info su Oggi Sport: https://oggisport.it/ e la pagina Facebook https://www.facebook.com/oggisport/?notif_id=1597904047411099&notif_t=page_fan

Calcio

La Roma fa tris e si regala gli ottavi

Prestazione convincente dei giallorossi che strapazzano il Braga nel doppio confronto.

Pubblicato

il

La Roma batte lo Sporting Braga 3 a 1 nel ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League qualificandosi agli ottavi di finale. Fonseca alla vigilia era preoccupato per questa gara che poteva risultare insidiosa sia per l’ottimo valore della squadra portoghese e sia dalle assenze in difesa della squadra giallorossa. I giocatori in campo hanno interpretato bene la gara dimostrando la loro superiorità già manifestata 7 giorni fa a Braga. Nel primo tempo dopo una fase di assestamento la Roma passava con Dzeko abile a ribadire in rete una giocata di El Sharawy che si era stampata sul palo. Il Braga provava a rimettersi in carreggiata con un buon possesso palla ma troppo sterile. Sul finire del tempo era la Roma con una traversa di Pedro, dopo assist del faraone, ad andare più vicino al goal del raddoppio.

La ripresa: Nel Secondo tempo Fonseca ruotava i suoi titolari pensando alla partita di domenica sera col Milan. Pellegrini, subentrato a Villar prima sbagliava un calcio di rigore procurato da Carles Perez ma subito dopo confezionava un assist al bacio sempre per il giovane spagnolo che realizzava il raddoppio. Qualificazione al sicuro e partita che si concludeva con l’autorete di Cristante ed il goal del definitivo 3 a 1 di Borja Mayoral. Da segnalare la prestazione di Diawara e del subentrante Carles Perez che entrava con le giuste motivazioni facendo la differenza nell’ultima mezz’ora. Unica nota negativa l’infortunio di Dzeko sostituito per un problema inguinale, che lo mette a rischio per la partita di domenica.

Continua a leggere

Calcio

Due pareggi, ma il Milan va agli ottavi

Pubblicato

il

La partita di andata è terminata 2-2 a Belgrado, sette giorni dopo si gioca la gara di ritorno al Meazza, i rossoneri hanno segnato due reti in trasferta e partono con il favore del pronostico. Dopo 9’minuti di gioco, i padroni di casa ricevono un calcio di rigore a favore, trasformato da Frank Kessie. Il Milan però, si porta dietro gli strascichi del derby e concede  il pari agli uomini di Stankovic, dopo 24′ minuti segna Ben ed é 1-1. Le due squadre vanno a riposo con questo parziale che qualificherebbe il diavolo. Nella ripresa entra anche Ibra per il Milan, ma non ci saranno ulteriori reti. Al minuto 70′, Gobeljic si fa espellere e la Stella Rossa resta in dieci, ma la sua squadra continua a spingere senza trovare goal. Il Milan con il doppio pari, stacca il pass per gli ottavi di Europa League.

Continua a leggere

Calcio

Europa League, vittoria amata del Napoli contro il Granada: gli azzurri vengono eliminati dalla competizione

Pubblicato

il

Zienilski fa, la difesa disfa. Il polacco illude il Napoli per una ipotetica rimonta ai danni del Granada segnando al 3′, ma a metà primo tempo la retroguardia azzurra fa un pasticciaccio incredibile che permette a Montoro di realizzare la rete della tranquillità spagnola. I ragazzi di Rino Gattuso escono così ai sedicesimi di Europa League, condizionati dai troppi infortuni avuti tra andata (finita 2-0 per il Granada) e ritorno. Nella ripresa Fabian Ruiz mette a tabellino il 2-1 definitivo, che però non dà mai un’ulteriore carica emotiva ai suoi compagni per tentare di segnare altre due reti che avrebbero garantito la qualificazione.

L’eliminazione del Napoli è un grave danno per il calcio italiano, perché i partenopei potevano competere per arrivare fino in fondo in Europa League.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group s.r.l.s. | Oggi Sport.it iscritto al tribunale di Milano con il n.105 del 07 settembre 2020 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Marco Capriotti |