Seguici anche su

Ciclismo

Adriatic Marathon Ultracycling Challenge

Le novità del percorso

Pubblicato

il

Adriatic Marathon Ultracycling Challenge. In questa caldissima di metà settembre si stanno per accendere i riflettori sulla terza edizione della Adriatic Marathon Ultracycling Challenge in programma a Francavilla al Mare tra il 17 e il 20 settembre.

L’Asd Abruzzo Ultracycling si prepara a ricevere gli specialisti dell’endurance a livello nazionale ed internazionale, per far si che l’Adriatic Marathon Ultracycling Challenge si confermi in grande stile un’organizzazione di livello quale è divenuta in soli due anni.

La novità dell’edizione 2020 è lo svolgimento dell’Adriatic Marathon 600 che, al pari della manifestazione classica di 1200 chilometri, è richiesta una preparazione fisica adeguata ma soprattutto la capacità di affrontare e superare le avversità che presenta il percorso (resistenza alla fatica, privazione del sonno ed eventuali condizioni climatiche avverse).

L’Adriatic Marathon 600 ha un dislivello positivo di 5000 metri e prevede l’attraversamento del promontorio del Gargano con le due times station ubicate a Vieste e a Foggia (in comune con la 1200 km) prima di fare ritorno verso nord a Francavilla al Mare per complessivi 600 chilometri.

Il percorso l’Adriatic Marathon Ultracycling Challenge sarà fornito in formato gpx a tutti i partecipanti oltre al Roadbook. Tutti i ciclisti, in totale autonomia, saranno dotati di un sistema di tracciamento GPS che consentirà di conoscerne la loro posizione in tempo reale.

L’Adriatic Marathon Ultracycling Challenge può essere effettuata in diverse categorie:

– solo non supportato

– solo con assistenza

– coppia non supportata

– coppia con assistenza

– staffetta con assistenza (2 atleti)

– staffetta con assistenza (4 atleti)

Le categorie solitarie (non supportato e con assistenza) saranno sia maschili che femminili, le altre non saranno identificate in base al sesso dei partecipanti.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ciclismo

Ciclismo donne: le selezionate per Imola

11 le convocate per prova in linea e crono

Pubblicato

il

Il selezionatore delle Nazionali femminili di ciclismo, Edoardo Salvoldi, ha comunicato i nomi delle convocate per i Mondiali di Ciclismo a Imola la prossima settimana.

Le convocate – Prova in linea: Elisa Balsamo, Elisa Longo Borghini, Marta Cavalli, Elena Cecchini, Tatiana Guderzo, Erica Magnaldi, Soraya Paladin, Katia Ragusa, Debora Silvestri.

 Per la Crono: Vittoria Bussi e Vittoria Guazzini.

Continua a leggere

Ciclismo

Tour: Bennett chiude in verde e tris per Pogacar

Vittoria dell’irlandese a Parigi

Pubblicato

il

Tour: Bennett chiude in verde e tris per Pogacar. Classica volatona finale a Parigi vinta dalla maglia Verde Sam Bennett davanti a Pedersen, Sagan, Kristoff e Viviani.

L’irlandese prende la maglia verde della classifica a punti, che era per anni il “simbolo” di Sagan. Lo slovacco cercherà di rifarsi al Giro.

Di seguito le quattro maglie del Tour 2020. Tre sono di una sola persona, che viene dalla Slovenia e si chiama Tadej POGACAR.

maglia gialla – classifica finale – Tadej POGACAR (UAE Emirates)

maglia verde – classifica a punti – Sam BENNETT (Deceuninck Quick Step)

maglia a pois – classifica degli scalatori – Tadej POGACAR (UAE Emirates)

maglia bianca – classifica miglior giovane – Tadej POGACAR (UAE Emirates)

Continua a leggere

Ciclismo

Pogacar ribalta il Tour.

Il re del Tour è Tadej Pogacar con una cronometro spaziale.

Pubblicato

il

Tadej Pogacar firma una delle imprese più belle del ciclismo contemporaneo e con una cronometro fenomenale si va a prendere l’edizione 107 della Grande Boucle. Il giovane sloveno del Team UAE Emirates, 22 anni lunedì, si fa uno dei regali più belli per il suo compleanno vincendo la cronometro individuale con arrivo a Planche des Belles Filles.

L’impresa: In patria è considerato il predestinato delle 2 ruote ed oggi in un duello cronometro appassionante ha travolto il suo connazionale ed ex maglia gialla Primoz Roglic infliggendogli 1’57” di ritardo. Sul traguardo un abbraccio commovente tra i 2 due entrambi lacrimanti: Pogacar incredulo per la felicità e l’impresa compiuta, Roglic affranto per la sconfitta inaspettata. Al secondo posto della cronometro sono arrivati l’olandese Tom Doumolin e il tasmaniano Richie Porte con un distacco di 1’21”. Porte domani salirà sul gradino più basso del podio del tour. Ecco le prime parole di un emozionatissim Pogacar ai microfoni di Eurosport : “Un sogno, non posso credere a quello che ho fatto”.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 Oggi Sport.it iscritto al tribunale di Milano con il n.105 del 07 settembre 2020 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Marco Capriotti